Terra

Taxi elettrici volanti, al via i test della NASA

La NASA ha iniziato a testare un futuro taxi volante che potrebbe presto trasportare in volo merci e passeggeri nelle città trafficate, contribuendo ad alleviare fastidiosi ingorghi. Il velivolo, completamente elettrico a decollo e atterraggio verticale, progettato dalla startup californiana Joby Aviation, è sostanzialmente un elicottero alimentato da sei rotori, progettato per essere il più silenzioso possibile, al fine di non disturbare i cittadini. Durante la campagna di test di due settimane, che fa parte della campagna nazionale Advanced Air Mobility (AAM) dell’agenzia spaziale, la NASA e Joby Aviation faranno volare l’aereo presso la base di volo elettrica di Joby vicino a Big Sur, in California. Gli ingegneri della NASA si concentreranno in particolare sulla misurazione del rumore prodotto dall’elicottero al fine di raccogliere dati che contribuirebbero a gettare le basi per un futuro quadro normativo che regoli l’uso di tali veicoli nelle città.

Gli ingegneri della NASA utilizzeranno il Mobile Acoustics Facility, composto da oltre 50 microfoni a piastra di terra a pressione disposti in una griglia che misurerà con precisione le emissioni sonore durante le diverse fasi del volo dell’elicottero. I team utilizzeranno quindi i dati per confrontare la rumorosità dell’eVTOL di Joby con elicotteri convenzionali, droni e altri velivoli per valutare come si aggiungerebbe al rumore di fondo nelle aree urbane.

Le pale dei sei rotori del velivolo sono state accuratamente progettate per ridurre al minimo il rumore. I rotori possono regolare individualmente l’inclinazione, la velocità di rotazione e il passo della pala durante il decollo e la crociera per ridurre il vortice della pala che genera il suono tipico associato agli elicotteri tradizionali.

L’elicottero completamente elettrico di Joby può coprire una distanza massima di 240 chilometri e raggiungere una velocità massima di 320 km/h. La società, che è stata recentemente quotata alla borsa di New York, ha testato i suoi prototipi in scala reale dal 2017 e ha effettuato più di 1.000 voli di prova. Joby spera di ricevere una certificazione dalla Federal Aviation Administration degli Stati Uniti nel 2023 e iniziare a fornire un servizio passeggeri commerciale entro l’inizio del 2024.