Questa testata è partner di La Repubblica e contribuisce alla sua audience
Hot topics:

Sky VR Studio, domani la realtà virtuale sulla Formula 1

Sky VR Studio è una nuova unità di Sky che si dedicherà completamente alla produzione di contenuti in realtà virtuale. Domani le prime 2 clip sulla Formula 1.

Sky VR Studio, domani la realtà virtuale sulla Formula 1

Sky VR Studio, l'unità di produzione dedicata ai contenuti in realtà virtuale di Sky, domani svelerà due filmati sui test di F1 di Barcellona. Non è ancora chiaro se saranno disponibili in tutti i mercati, ma è confermata la loro pubblicazione sulla piattaforma video 360° di Facebook.

Sky, nella sua nota stampa ufficiale, fa riferimento a riprese realizzate in collaborazione con Formula One Management e Williams Martini Racing. In pratica gli utenti potranno vivere l'esperienza di vari giri di pista, la concitazione della pit lane e l'attività nel box.

sky williams

In futuro saranno disponibili anche le versioni per Samsung Gear VR e Oculus Rift. Entro la fine dell'anno verrà distribuita un'app specifica che permetterà di riprodurre tutti i contenuti video realizzati. Per il 2017 sono previsti più di 20 contenuti riguardanti i più importanti eventi culturali e sportivi. Fra questi i match di pugilato di Anthony Joshua e il Tour de France.

Sky VR Studio è il frutto dell'esperienza maturata da Jaunt, una società specializzata in contenuti VR acquisita da Sky nel 2013. In questi anni non sono mancati esperimenti di vario genere: dai reportage alla premiere di Star Wars: The Force Awakens.

"Lo Sky VR Studio ci consentirà di aggiungere una nuova dimensione allo storytelling, portare i telespettatori in luoghi straordinari e offrire un'unica prospettiva su tutta una serie di eventi", ha commentato Gary Davey, manager area contenuti di Sky.

Nel frattempo Sky Italia, secondo quanto riporta Il Sole 24 Ore, avrebbe avviato una serie di trattative con Cattleya, Lucisano Group, Wildside, Palomar e Indiana Production per entrare nel mercato della distribuzione cinematografica. In pratica fare concorrenza a Warner Italia che distribuisce molti titoli e serie TV attraverso un accordo esclusivo con Mediaset.

"È un momento magico per l'audiovisivo italiano", ha dichiarato Carlo Degli Esposti di Palomar. "È la prima volta che si discute per superare i modelli esistenti, grazie alla nuova legge presentata in Parlamento e al nuovo assetto della Rai. Il racconto italiano, il prodotto audiovisivo, può conquistare un ruolo strategico per il Paese, per la prima volta. Bisogna uscire dal duopolio RaiCinema-Medusa verso un mercato concorrenziale, aperto, leale, che valorizzi il prodotto".

Vuoi ricevere aggiornamenti su #Realtà virtuale?
Iscriviti alla newsletter!