Android

5G, i primi smartphone già nel 2018 secondo Qualcomm

I primi smartphone 5G potrebbero arrivare sul mercato già nel 2018, in particolare negli ultimi mesi dell'anno. È quanto emerge da un'intervista rilasciata alla testata The Economic Times da Durga Prasad Malladi, VP Senior di Qualcomm, secondo il quale alcune aziende produttrici, e un ristretto numero di operatori telefonici, potrebbero decidere di anticipare la tabella di marcia per l'adozione del nuovo standard di rete.

In questo quadro, Qualcomm reciterà ovviamente un ruolo da protagonista. Durga Prasad Malladi ha infatti sottolineato come il gigante di San Diego sia pronto per fornire tutta la componentistica necessaria per la produzione dei primi smartphone 5G. La situazione va dunque letta secondo due differenti punti di vista, che coinvolgono appunto aziende produttrici e operatori telefonici.

Schermata 2018 05 11 alle 11 52 50
Durga Prasad Malladi

Buona parte delle reti commerciali conformi allo standard 5G NR sarà attivata nel 2019. Concretamente, questo vuol dire che gli utenti cominceranno a poter materialmente utilizzare il nuovo standard a partire dal prossimo anno. Proprio questa tempistica starebbe spingendo alcune realtà a voler giocare d'anticipo.

Leggi anche: Snapdragon X50, le telco scelgono Qualcomm per i test del 5G

Da una parte alcune aziende produttrici di smartphone sembra che vogliano commercializzare i primi dispositivi 5G già nel 2018. Una mossa che potrebbe andare di pari passo con quella di un ristretto numero di operatori telefonici, che sembrano poter garantire una certa infrastruttura di rete entro la fine dell'anno in corso. In tutto questo, così come dichiarato dallo stesso dirigente Qualcomm, l'azienda californiana sta facendo di tutto per aiutarli.

Qualcomm 5G
Smartphone reference 5G di Qualcomm

La questione riguarderà comunque soprattutto gli aspetti tecnici della rete. Gli operatori infatti sono ancora impegnati a definire le velocità di trasferimento dati che sarà garantita dall'infrastruttura 5G. Sembra infatti che, a seconda di quella che sarà la banda utilizzata, sarà possibile spaziare da 1 a 4,5 Gbps. Secondo Durga Prasad Malladi, inizialmente ci si muoverà sui 2 Gbps e i 4 Gbps, con la rete 4G utilizzata come riserva in caso di assenza del segnale per il nuovo standard.

Leggi anche: Qualcomm Snapdragon X50, modem 5G per gli smartphone 2019

Si tratta dunque di una situazione complessa, su cui sarà possibile avere un quadro più chiaro nei prossimi mesi. Per adesso non sono stati forniti i nomi delle aziende produttrici di smartphone e degli operatori telefonici che sarebbero pronti a bruciare le tappe per l'avvento dell'era del 5G. In ogni caso, Qualcomm sarà in pole-position.


Tom's Consiglia

Nokia 7 Plus è uno degli smartphone inclusi nel programma beta di Android P. È disponibile all'acquisto attraverso Amazon nella versione da 64 GB di storage.