Android

Blackberry pronta a ritirarsi dal mondo smartphone

Blackberry punta a vendere 5 milioni di smartphone all'anno, con un rilancio che parte dal Blackberry Priv, il suo primo smartphone a usare Android. E se non ce la farà si potrebbe ritirare per sempre dal mercato smartphone. Lo ha dichiarato l'amministratore delegato John Chen.

blackberry venice 1a328523e718c8fa10e09e4179c60a990

Il Blackberry Priv è sicuramente un dispositivo interessante, o perlomeno insolito. Atteso entro la fine del 2015, unisce uno schermo di grandi dimensioni, in linea con i canoni attuali, a un design slider che nasconde una tastiera fisica in pieno stile Blackberry, e specifiche tecniche che dovrebbero essere adeguate per un prodotto di fascia media o alta. Come ogni Blackberry, avrà caratteristiche aggiuntive che ne migliorano la sicurezza, e funzioni pensate per massimizzare la produttività.

L'azienda canadese comunque non ha abbandonato – almeno non ancora – lo sviluppo del suo sistema operativo, che si chiama anch'esso Blackberry, e l'obiettivo dei cinque milioni a cui punta sarà possibile solo con una combinazione di entrambe le risorse.

Se il Blackberry Priv sembra avere qualche potenzialità, comunque, l'obiettivo è di quelli straordinariamente ambiziosi. L'azienda l'anno scorso ha venduto solo 800.000 terminali nel suo ultimo trimestre fiscale, un numero troppo esiguo per mantenere la struttura di quello che, qualche anno fa, era un punto di riferimento nel settore.

Per avere qualche possibilità in più, Blackberry sta lavorando con gli operatori telefonici affinché il Priv sia disponibile presso i loro punti vendita. Una necessità assoluta, considerato che "la maggior parte delle persone non pensa a Blackberry quando vuole comprare un nuovo telefono", come scrive Dan Seifert su The Verge.

E se Blackberry davvero finisse per ritirarsi dal mercato smartphone? L'azienda è in difficoltà da anni ormai, e a farne le spese sono stati migliaia di dipendenti che hanno perso il lavoro. Una situazione che potrebbe solo peggiorare, perché "ritirarsi dal mercato smartphone" per questa società si traduce in "chiudere bottega". Resterebbe solo qualche brevetto e gli utili delle licenze, oltre a qualche asset secondario; senza più smartphone da vendere, semplicemente non ci sarebbe più una Blackberry di cui parlare.