Android

Byte distribuirà agli utenti i guadagni generati con la pubblicità

Byte, l’app ideata dal co-creatore di Vine, sta cercando di acquisire sempre più utenti, offrendo loro una parte dei guadagni prodotti dalla pubblicità. L’obiettivo del social network sarebbe quello di emergere in un mercato attualmente colmo di concorrenti.

L’applicazione dedicata ai brevi video, di cui abbiamo parlato pochi giorni fa, prevede una partnership con cui gli utenti potranno monetizzare i contenuti pubblicati. Nel blog ufficiale, il gruppo ha spiegato il funzionamento: ogni 120 giorni saranno calcolati gli introiti pubblicitari generati da ogni singolo utente e la retribuzione sarà ripartita in quattro rate. Ovviamente, il compenso dipenderà dal numero di spettatori.

Byte vorrebbe inoltre imporsi come un social network equo: è stato ideato un valore, riconoscibile con il nome Viewership Bracket, che indica la popolarità. Tutti gli utenti che si trovano in una determinata fascia riceveranno gli stessi compensi. Per entrare a far parte di questa partnership, gli interessati dovranno richiedere l’invito al team di sviluppo.

Questo non è un caso isolato. Nel 2013, anche Tsū aveva iniziato a proporre una partnership di questa tipologia, ma il risultato non fu soddisfacente, tanto da spingere gli sviluppatori ad abbandonare il progetto già nel 2016. Non possiamo far altro che attendere e scoprire se l’idea di Dom Hofmann raggiungerà il successo grazie anche a questa sorta di ricompensa.

L’acclamato Xiaomi Mi 9T, con il SoC Snapdragon 855, una tripla fotocamera posteriore, 6 GB di RAM, 128 GB di memoria interna e ottime prestazioni, è disponibile all’acquisto su Amazon. Lo trovate a questo indirizzo.