Tom's Hardware Italia
Android

Fabbrica Samsung in fiamme, ancora batterie del Note 7?

In una fabbrica cinese di batterie di proprietà di Samsung SDI c'è stato un incendio. A causarlo batterie al litio difettose, forse del Note 7. Ma potrebbero anche essere stati dei modelli nuovi: quelli per il Galaxy S8?

Sembrerebbe una barzelletta, ma non lo è. Nella giornata di ieri in un impianto di produzione di batterie di proprietà di SDI, azienda sussidiaria di Samsung, c'è stato un incendio definito "modesto", ma che ha richiesto l'intervento di 19 mezzi e 110 vigili del fuoco. Strutture e persone non sono state fortunatamente danneggiate, ma a scatenare le fiamme sarebbero state batterie al litio difettose come quelle utilizzate nel Galaxy Note 7. Come ricorderete infatti nel recente esito delle indagini sulle cause del malfunzionamento dello sfortunato phablet Samsung, il colosso coreano ha indicato proprio alcuni difetti strutturali delle batterie realizzate da SDI e da Amperex.

samsung galaxy note 7

La notizia è preoccupante non tanto perché all'origine dell'incendio potrebbero esserci proprio le vecchie batterie del Note 7 ancora stoccate nell'impianto. La versione dei vigili del fuoco infatti diverge da quella riportata dal portavoce di SDI e parla invece di "batterie al litio in fase di produzione e altri prodotti quasi pronti".

Come sappiamo, nonostante i risultati dell'indagine, Samsung ha comunque incaricato SDI di produrre le batterie anche per il prossimo top gamma Galaxy S8. In questo senso, se avessero ragione i vigili del fuoco cinesi, la prospettiva sarebbe inquietante. Fino ad ora – costi dell'operazione di ritiro e mancati guadagni a parte – Samsung è parsa incassare bene il colpo e le vendite sembrano non aver risentito dell'incidente. Un secondo smacco però sarebbe forse eccessivo anche per un colosso di questo tipo.

Per scongiurare questa eventualità Samsung ha anche affermato di aver messo a punto un nuovo processo di controllo della sicurezza in otto fasi che prevede più test, più controlli e più garanzie di qualità nei processi di fabbricazione. Se i risultati della nuova procedura dovessero essere questi si prospettano guai all'orizzonte per Samsung, ma al momento non si tratta che di speculazioni che, ci auguriamo, si riveleranno errate tra pochi mesi, quando il Galaxy S8 sarà sul mercato.