Android

Facebook obbliga i dipendenti a passare da iPhone ad Android

Anche se molto simili esteticamente, le applicazioni Android, spesso, dal punto di vista dell'esperienza utente sono piuttosto diverse rispetto alle controparti iOS. Un esempio lampante è una delle applicazioni più scaricate al mondo: l'app di Facebook.

Facebook è un'azienda statunitense, luogo dove gli iPhone sono più presenti che mai grazie al loro prezzo decisamente più accessibile che in Europa e nei Paesi emergenti. Non è un caso sé gran parte dei dipendenti di Facebook utilizzano quotidianamente uno smartphone Apple. Fino ad ora almeno.

Chris Cox infatti ha recentemente obbligato un numero non precisato di dipendenti di Facebook ad utilizzare uno smartphone Android: secondo il parere del chief product officer, non c'è modo migliore per capire al meglio la situazione dell'app del noto social network nel mondo Android.

Facebook Android

La mossa è dovuta principalmente al fatto che Facebook ha una base di utenza di oltre 1.5 miliardi di persone in tutto il mondo. Essendo Android il sistema operativo mobile più diffuso al mondo (NdR: Android possiede l'82.8% del mercato secondo IDC), non è una sorpresa se Chris Cox abbia optato per questa soluzione "drastica".

Il modo migliore per capire l'esperienza degli utenti è viverla in prima persona, è questo il concetto che si cela dietro la recente trovata del colosso statunitense. Utilizzando l'applicazione di Facebook quotidianamente, i dipendenti possono scovare ogni cavillo e problema dell'app e di conseguenza potranno trovare la soluzione ai vari problemi.

Per immedesimarsi ancor più nei panni degli utenti dei Paesi emergenti, ogni giovedì, i dipendenti di Facebook potranno abilitare la modalità "2G Tuesday". Un'esperienza della durata di un'ora nella quale i dipendenti useranno il social network simulando una connessione 2G, vale a dire la situazione che si trovano ad affrontare gran parte degli utenti di determinate nazioni.

Galaxy S6 Galaxy S6
Galaxy Note 5 Galaxy Note 5
LG G4 LG G4