Android

Firefox su iPhone e iPad: Mozilla a caccia di nuovi utenti

Firefox arriverà su iOS. Sono anni che gli utenti del browser di Mozilla vorrebbero usare Firefox anche sui dispositivi di Apple, ma finora la fondazione si è sempre rifiutata di sviluppare una versione ad hoc. Colpa delle regole ferree imposte da Apple, che impediscono a Mozilla di usare le proprie tecnologie (Gecko, eccettera) per sviluppare il browser al meglio.

Apple non consente ai browser alternativi a Safari di usare un motore differente da WebKit. La casa di Cupertino, in passato, riservava al proprio browser una versione migliore del motore Javascript, lasciando agli altri una build meno sofisticata. Con iOS 8 le cose sono cambiate. E forse questo ha pesato nella scelta di Mozilla.

Firefox iOS iPhone iPad

Così, a sette anni dal debutto dell'iPhone, Mozilla ha deciso di cambiare idea, dopo essersi avvicinata all'OS di Apple negli anni passati con Firefox Home, un progetto fallimentare.

In un evento della fondazione che si è tenuto a Portland nelle scorse ore, il VP Jonathan Nightingale ha dichiarato che "Mozilla deve essere dove sono gli utenti, quindi porteremo Firefox su iOS" (affermazione ribattuta da due tweet, uno di Matthew Ruttley e uno di Lukas Blakk).

Non sappiamo in che modo Mozilla voglia portare Firefox su iOS, ma dato che Apple difficilmente cambierà le proprie linee guida solo per la fondazione, a Mozilla non resterà che piegarsi usando le tecnologie a disposizione. Ciò dovrebbe comunque consentirle di realizzare un prodotto pari – dal punto di vista delle caratteristiche – a Firefox per Android.

Alcatel One Touch Fire con Firefox OS Alcatel One Touch Fire con Firefox OS

Rimaniamo in attesa di ulteriori conferme e magari qualche dettaglio in più, ma la notizia è di quelle interessanti soprattutto per chi vuole avere l'esperienza di Firefox che ha sul computer anche sul proprio smartphone e tablet, con segnalibri sincronizzati e tutto il resto. La decisione di sviluppare Firefox per iOS è solo l'ultima novità di Mozilla: l'azienda è infatti recentemente passata a Yahoo come motore di ricerca predefinito nel browser – solo negli Stati Uniti.