Android

Fotocamera smartphone come le reflex grazie a CMOS Sony

Sony ha svelato un sensore per le fotocamere degli smartphone che non solo fornirà qualità a 21 megapixel ma anche una funzione autofocus analoga a quella delle digital single-lens reflex (DSLR). Exmor RS IMX230 sulla carta sembra davvero una bomba: il CMOS è da 1/2.4"; si parla di 192 punti di messa a fuoco del tipo a rilevamento di fase; tecnologia HDR è integrata e funziona anche nelle riprese 4K, non solo per gli scatti.

La messa a fuoco in pratica è perfetta per gli oggetti in movimento. Stacca di gran lunga le fotocamere smartphone avversarie e inizia a impensierire le fotocamere DSLR entry level. L'HDR invece risolve ogni problema di esposizione: in presenza di scene ad alto contrasto Sony assicura più dettagli rispetto al passato.

A sinistra HDR tradizionale, a destra il nuovo HDR

Sony è convinta che la qualità raggiunta sia nettamente superiore rispetto ai prodotti concorrenti, considerate le dimensioni. La particolare ingegnerizzazione ha consentito ad esempio con la versione precedente da 1/2.3" di non avere effetti collaterali sullo spessore degli smartphone – si pensi ad esempio al Sony Xperia Z.

Sotto il profilo video non si può che sottolineare il supporto della risoluzione 1080p a 60 FPS e lo slow motion 720p a 120 FPS.

192 punti di messa a fuoco

La disponibilità dell'Exmor RS IMX230 è fissata per aprile 2015, giusto in tempo per la presentazione del nuovo Sony Xperia Z4. Entro la fine del 2015 sarà poi disponibile la versione da 16 megapixel. Secondo gli addetti ai lavori il nuovo sensore Sony è il candidato numero uno per i futuri iPhone 6S e iPhone 6 Plus S, considerata la solida partnership con Apple. Però c'è un altro modello che potrebbe approfittarne: la prossima versione del OnePlus One, che già oggi monta il chip Sony Exmor IMX 214.

Infine non si può che ricordare OmniVision, che quasi in contemporanea con Sony ha svelato i nuovi sensori da 23,8 megapixel e 21,4 megapixel – entrambi 1/2.3". Dispongono dell'autofocus con rilevamento di fase (PDAF), HDR in tempo reale e video recording 4K a 30 FPS. La prima fornitura dovrebbe avvenire nel mondo Android, ovviamente nella fascia alta.