Tom's Hardware Italia
Android

Galaxy S7 potrebbe costare il 10% in meno rispetto alla generazione attuale

Un prezzo più basso per meglio competere con i prodotti di altre aziende in un mercato che sta mutando: è quello che l'analista Pan Jiutang suggerisce per il prossimo Samsung Galaxy S7, che secondo la sua teoria potrebbe costare circa il 10% in meno rispetto all'attuale Galaxy S6.

All'inizio di questa settimana il Vice Presidente Samsung Kwon Oh-Hyun aveva fatto un'analisi del mercato stagnante degli smartphone, sostenendo che nei prossimi anni l'azienda dovrà affrontare un cambiamento radicale per evitare di sparire dal mercato, che sta mutando sempre più velocemente.

Kwon Oh-Hyun non ha offerto esempi specifici di quello che intendeva dire ma è possibile che almeno uno di questi passi riguardino la necessità di ritoccare verso il baso i prezzi di lancio dei nuovi dispositivi.

Galaxy S7 concept

Una conferma di questa ipotesi infatti è giunta proprio in questi giorni da parte di un famoso analista finanziario, Pan Jiutang, che ha suggerito proprio come il prossimo Samsung Galaxy S7 potrebbe costare circa il 10% in meno rispetto all'attuale generazione di smartphone top gamma dell'azienda coreana.

Il Galaxy S7, stando ai rumor circolati fino ad ora, sarà comunque sicuramente un prodotto interessante a prescindere dal prezzo, visto che si è già parlato dell'impiego di SoC Snapdragon 820 ed Exynos 8890 (probabilmente a seconda dei mercati di destinazione), dell'adozione di un DAC ESS Sabre, di livello Hi-Fi, per il comparto audio e di una fotocamera innovativa.

Proprio su quest'ultima è circolata una nuova indiscrezione, dopo i recenti rumor che parlano della possibilità di adottare un sensore di nuovo tipo grande ½ pollice ma da soli 12 Mpixel così da catturare più luce e diminuire il rumore tipico dei sensori molto "densi".

Samsung infatti ha registrato un nuove nome commerciale, BRITECell, che richiama proprio l'attuale ISOCell utilizzato per i suoi sensori fotografici, ma in cui il termine Brite, traslitterazione di Bright, luminoso, richiama evidentemente proprio al principale qualità del nuovo sensore.