Android

Google e Qualcomm: accordo per 4 anni di aggiornamenti Android

Android senza Snapdragon non potrebbe funzionare. Come anche gli Snapdragon non funzionano senza eseguire un software, in questo caso Android. E vista questa simbiosi, perché non siglare un accordo tra le parti per giovare entrambe dei risultati?

Detto, fatto. Le due società americane hanno annunciato che d’ora in poi gli smartphone che arriveranno sul mercato con SoC Snapdragon e l’OS Android 11, verranno aggiornati fino a 4 anni. Sono inclusi gli aggiornamenti di sicurezza che arrivano mensilmente, ergo, le patch di sicurezza.

Qualcomm Tech Summit Digital 2020

E come non utilizzare il magafono mediatico dell’avvento dello Snapdragon 888 per inaugurare questo nuovo ciclo di aggiornamenti? Proprio così, il primo SoC sarà lui, dopodiché l’accordo riguarderà tutti gli smartphone aventi SoC Snapdragon e Android 11.

Ma c’è dell’altro, ed è importante. Questo nuovo percorso di aggiornamento semplificherà la vita agli OEM (Samsung, LG, Sony, etc) perché d’ora in poi dovranno solo aggiornare Android senza preoccuparsi del software relativo all’hardware Snapdragon.

Entrambe le aziende sono più che interessate a lavorare assieme. Google afferma di voler continuare ad interagire con i partner per mitigare una volta per tutte la frammentazione mentre Qualcomm è entusiasta dell’opportunità di avere una “corsia preferenziale” per i produttori che la sceglieranno.

Non sappiamo se tutti gli OEM aderiranno a questa strategia quadriennale ma sarebbe il caso di adottarla, anche per via del minor tempo di sviluppo che impiegherebbero per i vari update. In ogni caso, durante il corso dei mesi, avremo news a riguardo.

OnePlus Nord è uno dei migliori medio gamma mai realizzati. Lo potete trovare qui, disponibile subito nella variante 128 GB e 256 GB.