Tom's Hardware Italia
Android

Google Pixel XL, solo sufficiente la riparabilità per iFixit

iFixit ha smontato il recente Google Pixel XL, assegnando un 6 all'operazione. Lo smartphone insomma è abbastanza semplice da smontare, ma con alcune criticità. In particolare sembra essere molto difficile aprire la scocca senza arrecare danno allo schermo.

Come sempre accade per i nuovi smartphone, anche il nuovissimo Google Pixel XL è caduto nelle mani dei ragazzi di iFixit per un tear down esaustivo, finalizzato a valutare il grado di riparabilità del dispositivo al di fuori del periodo di garanzia.

Tagliamo subito la testa al toro: il voto finale è un 6, una sufficienza dunque, che ci dice che la progettazione di questo smartphone ha fatto sì che in media risulti più manutenibile rispetto a molti degli smartphone degli ultimi anni ma non è certo allo stato dell'arte. Persistono infatti alcune criticità che ne inficiano in parte gli aspetti positivi.

Leggi anche: Recensione Google Pixel e Pixel XL

er2ZOkUXKFRTHkHq

La maggior parte della componentistica interna è modulare e quindi facile da smontare, inoltre sono state utilizzate viti Torx 5 all'interno, per cui con un solo tipo di cacciavite sarà possibile asportarle tutte. Infine è stata impiegata poca colla, e questo consente ad esempio di rimuovere senza troppi problemi anche la batteria.

Leggi anche: Google Pixel, i dettagli del nuovo sensore fotografico

Purtroppo però la difficoltà principale consiste proprio nell'aprire la scocca senza arrecare danno allo schermo, uno dei componenti più costosi degli smartphone, mentre una volta dentro le maggiori difficoltà si hanno con la scheda madre.

jhIpXGF3AXXICXyC

Insomma, nell'insieme il Pixel XL raggiunge la sufficienza, ma in realtà, visto che alcune delle operazioni considerate più delicate, come ad esempio aprire la scocca, vanno svolte prima di poter effettuare qualsiasi tipo di intervento, la valutazione è forse meno positiva di quanto possa sembrare.