Android

Google Search “capirà” il significato delle frasi inserite

Google ha appena annunciato l’arrivo di BERT, uno strumento che migliorerà radicalmente l’esperienza degli utenti che effettuano ricerche su internet. Prima dell’arrivo di questa tecnica, Google Search permetteva di effettuare ricerche solo mediante combinazioni di parole chiave. Le cose, però, sono pronte a cambiare.

Bidirectional Encoder Representations from Transformers, il nome completo del modello, è una delle novità più importanti di Google Search degli ultimi mesi, dato che permetterà a tutti gli utenti di migliorare l’attendibilità delle ricerche. Per il momento, BERT è disponibile solo negli Stati Uniti d’America, ma nulla toglie che possa prima o poi arrivare anche in Europa.

Esso, basandosi sulle cosiddette “reti neurali artificiali”, ovvero una struttura composta da neuroni digitali creati dall’uomo, basati però su quelli biologici, è capace di analizzare una frase estesa. La ricerca, quindi, non sarà svolta solo ed esclusivamente mediante combinazioni di prole chiave, ma anche analizzando la richiesta dell’utente.

“Soprattutto per query più lunghe e frasi in cui è importante il senso, Search sarà in grado di comprendere il significato. Potrai effettuare ricerche in un modo naturale.”

Sono queste le dichiarazioni diffuse della società. L’obiettivo di Google è quindi quello di analizzare tutta la frase, invece di estrapolare esclusivamente le singole parole. In questo modo sarà possibile ottenere dei risultati più utili e migliorare almeno una ricerca su dieci.

BERT è attualmente compatibile solo con l’inglese parlato negli USA. Non ci resta che attendere e accogliere questo nuovo modello anche in altri stati.

Il nuovo Redmi Note 8 Pro è disponibile all’acquisto su Amazon a 269 euro. Lo trovate a questo link.