Smartwatch

Huawei Watch GT 2, molto più del semplice battito cardiaco

Praticamente qualsiasi wearable, al giorno d’oggi, è in grado di misurare il battito cardiaco. Sono pochi però i prodotti in grado di contestualizzare questi dati in un apparato più ampio, che possa fornire all’utente un quadro generale sul proprio benessere psico-fisico, tenendo comunque ben presente come questi strumenti non possano assolutamente sostituire un attento e costante controllo medico.

In questa ristretta cerchia si colloca certamente il Watch GT 2 di Huawei. Abbiamo già avuto modo di tessere le lodi di questo smartwatch in sede di recensione, certamente uno dei migliori del 2019. Al di là comunque dell’esperienza generale offerta, l’azienda cinese ha riposto un’attenzione particolare proprio nei confronti di tutte quelle funzionalità che rientrano nel mondo della salute.

Innanzitutto, il monitoraggio del battito cardiaco. Il Watch GT 2 è in grado non solo di effettuare una misurazione singola, ma anche di tenerlo costantemente sotto controllo, creando dei veri e propri grafici quotidiani di andamento di questo parametro. In tal senso, abbiamo misurato un’ottima accuratezza, considerando come si tratti comunque di un prodotto consumer.

Questi grafici possono essere comodamente visualizzati sia direttamente dallo smartwatch che dallo smartphone, attraverso l’applicazione proprietaria Huawei Health. Quest’ultima è indispensabile per poter sfruttare appieno le potenzialità dei wearable dell’azienda cinese e tra l’altro viene installata di default nei dispositivi del brand. Per cui, per utilizzarla, non occorre passare attraverso il Play Store. Ma non è tutto.

Il Watch GT 2 è infatti in grado di monitorare la qualità del sonno. In tal senso, è necessario ovviamente indossarlo anche di notte, ma i 41 grammi di peso, unitamente ai 10,7 millimetri di spessore, lo rendono comodo da indossare anche in una simile circostanza. Superato questo passaggio, viene creato un grafico all’interno di Huawei Health che consente di visualizzare: le ore di fase REM, le ore di sonno profondo, quelle di sonno leggero e il numero di volte in cui ci si è svegliati.

Tutte queste informazioni (battito cardiaco e monitoraggio del sonno) vengono successivamente processate da una terza funzionalità che consente, attraverso il Watch GT 2, di misurare il livello di stress dell’utente. Da questo punto di vista, viene restituito un dato numerico (in una scala da 1 a 100) e, in base a questo, è possibile svolgere dei veri e propri esercizi di respirazione (guidati sempre direttamente dallo smartwatch) al fine di potersi rilassare maggiormente, qualora ovviamente ce ne fosse bisogno.

Insomma, una panoramica completa che Huawei è riuscita ad affinare nel tempo, compiendo peraltro un importante salto di qualità rispetto al già ottime Watch GT di prima generazione, commercializzato non più tardi di 6/7 mesi. Segno evidente di come l’azienda cinese consideri cruciale l’aspetto della salute in ambito wearable.

Il passo successivo per Huawei, con le prossime generazioni di smartwatch, potrebbe essere quello di implementare anche la funzionalità ECG (elettrocardiogramma), così da chiudere il cerchio ed espandere ulteriormente le possibilità in questa direzione. In generale però, con il Watch GT 2, siamo certamente di fronte a uno dei wearable più completi da questo punto di vista.

Huawei Watch GT 2 è disponibile all’acquisto attraverso lo store ufficiale. Lo trovate a questo link.