Smartwatch

I Google Glass tornano ai box, nuove versioni in sviluppo

Google non abbandona i Google Glass, anzi rilancia. Nei mesi scorsi il destino di questo gadget tecnologico sembrava in bilico, con sviluppatori poco interessati e uno scetticismo generale in aumento circa l'effettiva utilità del prodotto.

Google Glass

Poi si è parlato di possibili Google Glass 2 con chip Intel e, nelle scorse ore, la casa di Mountain View ha rotto gli indugi: i Glass passano dall'essere un progetto sperimentale del laboratorio Google X a una divisione indipendente gestista da Tony Fadell, patron di Nest (azienda acquisita da Google) ed ex di Apple, dove si è occupato della creazione dell'iPod.

Fadell continuerà comunque a occuparsi anche di Nest. "Come parte di questa transizione chiuderemo il programma Explorer in modo da focalizzarci sul futuro. Il 19 gennaio sarà l'ultimo giorno per ottenere i Glass Explorer Edition. Nel frattempo continueremo a lavorare per il futuro e vedrete nuove versioni dei Glass quando saranno pronte", si legge in un post su Google+.

Google Nexus 6 Google Nexus 6
Sony HMZ-T3W Sony HMZ-T3W

Insomma, la casa di Mountain View ha deciso di puntare su questo prodotto, dopo aver raccolto le opinioni e i consigli dei primi Explorer. Allo stesso tempo però ha deciso di tornare sul banco di lavoro, al riparo da occhi indiscreti, per lavorare a nuove versioni più mature, migliori e convincenti.C'è da risolvere anche un problema di non poco conto, quello della potenziale violazione della privacy.

Negli Stati Uniti sono stati diversi gli esercizi commerciali e i cinema che hanno bandito i Google Glass perché non potevano impedire che gli utenti registrassero video. "I primi sforzi ci hanno permesso di imparare ciò che è importante per i consumatori e le aziende", ha affermato Tony Fadell. "Sono entusiasta di lavorare con Ivy (Ivy Ross, attualmente a capo della divisione, NdR) per fornirle supporto mentre guida il team e lavorare insieme per integrare quanto appreso nei prodotti futuri".