Apple

iOS 11, le vecchie app a 32 bit daranno problemi

iOS 11 potrebbe definitivamente bandire la app a 32-bit. È quanto emerge dalla beta 3 di iOS 10.3, rilasciata da Apple nella giornata di ieri. Il colosso di Cupertino ha infatti inserito un nuovo menu raggiungibile dall'elenco delle applicazioni all'interno delle impostazioni di sistema. Toccando una delle app si viene indirizzati in una pagina in cui sono presenti tutte le informazioni relative ad esse, dal numero di versione alla data dell'ultimo update.

Immagine Corpo 1 32 bit

Nel caso di app a 32-bit, compare un messaggio che recita:

"Queste applicazioni possono rallentare il vostro iPhone e non funzioneranno con le versioni future di iOS, se non sono aggiornate. Se nessun aggiornamento è disponibile, contattare lo sviluppatore dell'applicazione per ulteriori informazioni."

Un testo inequivocabile, che rilancia inevitabilmente la possibilità che la prossima major release del sistema operativo mobile del colosso di Cupertino, ovvero iOS 11, possa definitivamente interrompere il supporto alle app a 32-bit.

Indizi in tal senso erano già stati inseriti nella beta 1 di iOS 10.3 dove, eseguendo un'applicazione a 32-bit, veniva mostrato a display un messaggio che informava circa la possibilità che l'app in questione rallentasse le performance generali del sistema.

Immagine corpo 2 32 bit

Del resto il primo processore a 64-bit per dispositivi mobili targato Apple risale addirittura ad iPhone 5s, presentato a settembre 2013 ed equipaggiato con il SoC A7. Sono passati oltre tre anni, e l'interruzione del supporto ai 32-bit era una conseguenza assolutamente preventivabile.

Indicazioni importanti in tal senso arriveranno comunque dalla WWDC 2017, che si terrà dal 5 al 9 giugno presso presso il McEnery Convention Center di San Jose.

iPhone 7 iPhone 7
  
iPhone 7 iPhone 7
  
iPhone 7 iPhone 7