Apple

iPad Pro confermato di nuovo, produzione al via tra poco

La produzione di iPad Pro comincerà entro la fine di settembre, e il dispositivo sarà in commercio prima che finisca il 2015. A confermare l'esistenza di questo prodotto è ancora una volta la taiwanese Digitimes, una testata che non sempre si è rivelata affidabile ma che in questo caso aggiunge un'ulteriore conferma a tanti indizi emersi negli scorsi mesi.

iPad Pro Martin Hajek

Secondo Digitimes all'inizio ci saranno 4-5 milioni di iPad Pro consegnati, mentre la produzione dovrebbe entrare a regime nel 2016. Stiamo parlando di un tablet iOS con schermo da 12,9 pollici, la cui inclinazione "pro" potrebbe significare la presenza di un pennino come quello dei Galaxy Note.

Ammesso che questo prodotto esista veramente, sarà certamente basato sul processore Apple A9x, il "fratello maggiore" dell'Apple A9 che ci aspettiamo sia presentato insieme al prossimo iPhone. Si è poi parlato di tecnologia Force Touch, vetro zaffiro, touchscreen prodotti da Sharp con tecnologia AgNW (nanofili d'argento).

Per il grande schermo da 13 pollici si ipotizza una risoluzione da 2732 x 2048 pixel, come ha suggerito a giugno l'analisi di iOS 9 beta. Una risoluzione molto alta quindi, il che ha senso considerate le nuove funzioni multitasking di iOS 9 – la funzione Picture in Picture per esempio o la possibilità di usare più applicazioni allo stesso tempo.

La combinazione di grande schermo (e risoluzione), pennino e sistema operativo multitasking potrebbero in effetti fare di questo grande iPad un prodotto "pro", nel senso di un oggetto con cui si può lavorare e produrre contenuti meglio di quanto si possa fare oggi su un iPad o un tablet in generale.

Questo iPad Pro per alcuni potrebbe diventare un'alternativa a un tradizionale notebook, magari con una di quelle custodie che integrano la tastiera, ma è un'ipotesi azzardata. Tanto azzardata che, a quanto pare, la stessa Apple si sta muovendo con prudenza e per ora ne ha ordinati pochissimi.

Potrebbe essere un nuovo grande successo per Apple, oppure un memorabile fallimento commerciale. Oppure potrebbe anche non esistere – ma tanti indizi dicono il contrario.