Apple

iPhone 3GS senza iOS 7 sopravviverà grazie all’App Store

Apple ha modificato l'App Store, ed è ora possibile installare vecchie versioni delle applicazioni anche su dispositivi non molto recenti dotati di build precedenti del sistema operativo. Una novità rilevante, che mette l'azienda californiana in prima linea in fatto di supporto ai propri clienti.

Sì, perché non tutti cambiano il proprio iPhone ogni anno, e ci sono molte persone che usano ancora il 3GS, l'iPhone 4 e il 4S. Il più vecchio, uscito nel 2009, è quello maggiormente interessato dal cambiamento, perché incompatibile con iOS 7. Ciò significa che molte applicazioni non si potranno installare, proprio perché sviluppate per il nuovo sistema operativo.

Ecco allora la nuova proposta di Apple: l'utente con un vecchio smartphone avrà la possibilità di scaricare una vecchia versione dell'applicazione che sta cercando. Una scelta che si può definire esemplare, per quanto riguarda il trattamento riservato a chi possiede i prodotti in questione.

E se da una parte non si può che apprezzare la scelta della casa di Cupertino, dall'altra è forzato il paragone con i concorrenti. Per quanto riguarda la compatibilità delle applicazioni Android non ha nulla da invidiare ad iOS – nella maggior parte dei casi basta la versione 2.3 (e superiori). C'è però la questione degli aggiornamenti per il sistema operativo, che sono nelle mani dei produttori; chi ha un Nexus sta meglio, ma molti non possono far altro che rimboccarsi le maniche e cercarsi ROM alternative.  

La situazione è senz'altro cambiata rispetto a qualche anno fa, ma non esiste un telefono Android vecchio di quattro anni che abbia un supporto comparabile a quello offerto da Apple. Quanto a Windows Phone 8 la situazione attuale ispira un certo ottimismo; ma il precedente di WP7 impone cautela, insieme ai dubbi sul futuro Windows Phone 9.

Non è il caso di gridare al miracolo, perché da una qualsiasi azienda è il minimo aspettarsi il migiore dei trattamenti verso i propri clienti, ma comunque è una novità che "allunga" la vita degli iPhone; tre, quattro, cinque anni per uno smartphone sono quasi un'eternità, soprattutto con aggiornamenti software e applicazioni compatibili. Fermo restando che si può tenere quattro anni anche un Galaxy S4 o un HTC One, senza aspettarsi però lo stesso trattamento da parte dei produttori. È un motivo valido per scegliere un iPhone invece che Android o Windows Phone?