Apple

iPhone X: domani il grande evento, Apple pronta a stupire

iPhone X sarà presentato domani. L'attesa sta finalmente per volgere al termine, con Apple che utilizzerà la solita vetrina mediatica del keynote di settembre per svelare il suo nuovo smartphone top di gamma. Si tratta del modello in assoluto più atteso degli ultimi anni, grazie soprattutto al grande numero di novità che saranno introdotte. Il melafonino del decennale non sarà però l'unico protagonista dell'evento.

Tutto quello che sappiamo su iPhone X

Inevitabile partire dal nome. Inizialmente si è parlato di iPhone X, mentre negli scorsi mesi ha preso sempre più corpo l'ipotesi che Apple potesse chiamare "iPhone 8" il melafonino del decennale. Negli ultimi giorni è invece tornata in auge la prima nomenclatura che, tra l'altro, risulta coerente con una serie di fattori.

iPhone X

Innanzitutto, chiamare questo smartphone iPhone 8 creerebbe dei problemi per le numerazioni dei modelli dei prossimi anni. Non è stato ancora chiarito se, con l'evento di quest'anno, la presentazione di ben tre modelli sia destinata a diventare un modus operandi costante nella strategia commerciale Apple. Ciò però non risolve la questione relativamente a quest'anno.

Leggi anche: iPhone 8, 1.000 euro per la versione da 64 GB?

Quelli che saranno gli eredi naturali degli attuali iPhone 7 e 7 Plus infatti, rischierebbero di passare come dispositivi superati avendo già a fianco iPhone 8. La logica di Apple invece dovrebbe essere stata quella di aver progettato, per il decennale, un prodotto diverso, pensato per uscire dagli schemi della solita line-up degli smartphone della mela.

iphone X

Senza dimenticare, ovviamente, come la "X" rappresenti il 10 nei numeri romani. La certezza non si avrà comunque fino al momento della presentazione, ma sembra proprio che lo smartphone Apple realizzato per celebrare il decennale sul mercato sia effettivamente destinato a chiamarsi iPhone X.

Nessun dubbio invece per quanto riguarda l'aspetto estetico. iPhone X potrà infatti contare su un'importante riduzione delle cornici, con lo schermo che occuperà buona parte della superficie frontale. Apple ha scelto dunque di allinearsi al trend degli smartphone borderless, divenuto ormai una tendenza dominante nel settore dei dispositivi mobili di fascia alta.

iPhone X

Si attende un display da 5.8 pollici con aspect-ratio in 18:9, controllato dal nuovo SoC A11 accoppiato a 3 GB di RAM. Una piattaforma hardware che dovrebbe garantire prestazioni di alto livello, anche grazie alla solita ottimizzazione software che, questa volta, sarà garantita da iOS 11, nuova incarnazione del sistema operativo mobile targato Apple.

In ogni caso, l'adozione del design borderless ha spinto l'azienda di Cupertino a dover eliminare l'iconico tasto Home fisico che, come ricorderete, negli attuali modelli integra il Touch ID. Un recente report del Wall Street Journal sottolinea come Apple abbia deciso di eliminare definitivamente il sensore per il riconoscimento delle impronte digitali, affidando lo sblocco di iPhone X al riconoscimento 3D del volto.

iPhone 8 ritardi

La scelta dell'azienda di Cupertino sarebbe stata dettata dai ritardi di produzione causati proprio dai vari tentativi fatti per trovare una nuova collocazione al Touch ID. Se questa mancanza fosse confermata, si tratterebbe certamente di un azzardo per Apple, considerando come il sensore per il riconoscimento delle impronte digitali sia ormai diventato di uso comune in ambito smartphone, anche per quanto riguarda operazioni diverse dallo sblocco (pensiamo ai pagamenti in mobilità).

In ogni caso, la presenza del riconoscimento 3D del volto è stata confermata, nella giornata di ieri, dal firmware di iOS 11 GM che, tra l'altro, ha fornito anche altri dettagli. Sono infatti trapelati i wallpaper ufficiali dei nuovi iPhone, oltre ad alcuni elementi come la nuova barra delle notifiche, evidentemente pensata per adattarsi al meglio al nuovo design borderless.

iPhone X

Meno "rivoluzionario" il comparto fotografico di iPhone X. La dual-camera posteriore dovrebbe essere derivata direttamente da quella di iPhone 7 Plus, con la medesima risoluzione (sensori da 12 MP). La fotocamera frontale integrererà, come detto, il riconoscimento 3D del volto, e dovrebbe poter contare su un sensore da 8 MP.

Da sottolineare la presenza della ricarica wireless e l'adozione del vetro anche per la realizzazione della back cover. In tal senso, una sorta di ritorno al passato, con la scelta dei materiali (metallo per il frame) praticamente identica a iPhone 4 e 4s.

iPhone X

Infine, capitolo prezzi. Si tratta dell'aspetto su cui permangono i dubbi maggiori. iPhone X dovrebbe essere commercializzato nei tagli da 64 GB, 256 GB e 512 GB. Apple potrebbe far partire i prezzi da 1.000 euro per la variante base, anche se in rete circolano cifre anche superiori. Un aspetto che potrà essere definitivamente chiarito solo durante il Keynote.

iPhone 8 e 8 Plus

Il firmware di iOS 11 GM ha svelato che, i dispositivi pensati come evoluzione degli attuali iPhone 7 e 7 Plus, dovrebbero chiamarsi iPhone 8 e 8 Plus. Seguendo però la nomenclatura adottata solitamente da Apple, il fatto che non dovrebbe essere utilizzata la dicitura "s", potrebbe stare a indicare dispositivi che possano rappresentare qualcosa di più che un semplice upgrade dei modelli precedenti, anche se le indiscrezioni vanno in senso opposto a questa prospettiva.

iPhone X

Da un punto di vista estetico, i render trapelati in questi mesi mostrano un design classico, con le solite cornici e l'iconico tasto Home fisico con Touch ID. Sotto la scocca dovrebbe esserci il SoC A10X, già visto a bordo dei nuovi iPad Pro, coadiuvato da 2 GB di RAM in iPhone 8 e da 3 GB di RAM nella variante Plus.

Leggi anche: iPhone 8: produzione in ritardo, Foxconn cerca personale

Poche le informazioni per quanto riguarda il comparto fotografico, fermo restando che iPhone 8 Plus potrà contare su una dual-camera posteriore. A livello di sensori, non è escluso che Apple possa mutuare quelli visti a bordo di iPhone 7 e 7 Plus, anche perchè il riconoscimento 3D del volto dovrebbe rimanere una peculiarità di iPhone X.

iPhone X

Tutto sarà mosso, ovviamente, da iOS 11 mentre, per quanto riguarda i prezzi, ci sono molti dubbi. Se infatti fossero confermati i 1.000 euro per la variante base di iPhone X, risulterebbe difficile che Apple possa posizionare iPhone 8 Plus a partire da 939 euro (che sarebbe il listino attuale di iPhone 7 Plus). La differenza tra i due modelli sarebbe troppo risicata, con il rischio che il melafonino del decennale possa cannibalizzare il "fratello minore".

Ecco dunque che si fa strada la possibilità che Apple possa abbassare i prezzi di listino di iPhone 8 e 8 Plus, rendendoli economicamente più appetibili rispetto a iPhone X. Anche in questo caso però, si tratta di dettagli tutti da confermare, per i quali toccherà attendere il Keynote di domani.

iPhone X

Le altre novità e gli eventuali outsider

L'evento Apple di domani segnerà il rilascio della versione definitiva di iOS 11, il cui roll-out però dovrebbe partire dal 13 settembre. La nuova versione del sistema operativo mobile della mela morsicata non dovrebbe però essere l'unica novità accanto ai tre modelli di iPhone.

Sembra infatti molto probabile il lancio della nuova generazione di Apple TV, che dovrebbe essere in grado di supportare la risoluzione 4K con HDR 10. Una possibilità attesa da molto tempo, anche considerando come molte piattaforme di streaming comincino ormai a supportare a pieno questa tecnologia.

iPhone X

Si vocifera anche della possibilità che arrivi la seconda generazione degli AirPods, i tanto acclamati auricolari wireless dell'azienda di Cupertino. Si tratta di un prodotto svelato proprio in occasione della presentazione di iPhone 7 e 7 Plus, che ormai ha quasi raggiunto 1 anno di commercializzazione, e che potrebbe essere oggetto di un upgrade hardware (introduzione di un sistema di soppressione del rumore).

Il vero outsider dell'evento però potrebbe essere Apple Watch Serie 3. La presentazione della seconda incarnazione dell'orologio della mela risale ormai a settembre 2016, e quindi le tempistiche sono assolutamente compatibili con una nuova versione, sfruttando l'onda mediatica dell'attesissimo iPhone X.

iPhone X

Non mancheranno infine le solite novità software accanto a iOS 11. L'azienda di Cupertino dovrebbe dedicare una parte del keynote ad Apple Music e ai vari servizi, che rappresentano ormai un business molto importante per la mela, come del resto si è evinto dai risultati delle ultime trimestrali.

Leggi anche: Huawei fa le scarpe ad Apple, storico sorpasso nel mobile

Insomma, l'evento di domani si preannuncia ricco di novità. Tutti i riflettori saranno comunque puntati su iPhone X, un prodotto che sarà chiamato, da un punto di vista commerciale, a respingere l'avanzata sempre più temibile dei brand cinesi. Apple dovrà guardarsi le spalle da Huawei, senza però perdere di vista Samsung.


Tom's Consiglia

State pensando di vendere il vostro iPhone usato? Fatelo online grazie e riCompro!