Tom's Hardware Italia Tom's Hardware
Apple

iPhone XS e XS Max, i 4 GB di RAM confermati dai benchmark

iPhone XS, XS Max e Xr, hanno effettuato il primo passaggio su Geekbench 4, e i risultati confermano ciò che era emerso qualche mese fa, quando un misterioso dispositivo basato sul SoC Apple A12 era comparso attraverso la nota piattaforma di benchmark.

La caratteristica che salta subito all'occhio è la presenza di 4 GB di RAM a bordo di iPhone Xs e Xs Max, confermando che non ci saranno differenze degne di nota tra i due dispositivi se non per batteria e dimensione dello schermo. Entrambi mostrano un aumento sostanziale della cache L1 che passa da 32KB di A11 Bionic ai 128KB di A12 Bionic, invariata la cache L2 che si attesta sugli 8 MB. Conferme per l'esa-core con una frequenza che passa da 2,39 GHz a 2,37 GHz.

Schermata 2018 09 14 alle 17 11 19

Il processore Apple A12 Bionic è presente anche su iPhone Xr, dove però ci sono 3 GB di RAM. Il passaggio sulla piattaforma Geekbench ci permette di notare quelli che sono i risultati, e quindi i punteggi, dei tre dispostivi. Il tutto non è da considerare profondamente veritiero poiché i punteggi, abbastanza discordanti tra loro, sono sintomo di un test in condizioni d'uso non ottimali.

Leggi anche: iPhone Xs, ma quanto mi costi? Italia tra i Paesi più cari

iPhone XS Max raggiunge i 4813 punti in single-core e i 10.266 in multi-core. iPhone XS ha messo a segno un punteggi di 4.576 in single-core e 11.385 in multi-core, risultati in linea con l'aumento del 15% promesso da Apple allo scorso Keynote. L'ambito che registra risultati significativi è senza dubbio quello grafico con 22.000 punti, un plus del 50% rispetto ad A11 Bionic che si ferma a 15.000. Infine, Anche Xr, nonostante il minor quantitativo di RAM, offre prestazioni in linea, con i 9.300 punti che però potrebbero essere viziati da una scarsa condizione d'utilizzo.


Tom's Consiglia

Le prenotazioni di iPhone Xs e Xs Max sono partite oggi, 14 settembre. La disponibilità sul mercato è prevista a partire dal 21 settembre. Potete accedere ai preordini a questo link.