Telefonia

La ColorOS incoronata come la UI più fluida, il Huawei Mate 40 Pro+ il più potente

Secondo Master Lu, la ColorOS implementata sugli smartphone OPPO rappresenta “l’interfaccia utente più fluida dell’anno”. Ciò è dovuto all’esperienza offerta nell’utilizzo dei terminali e nel piacere riscontrato dagli utenti nel disporre di alcune funzionalità esclusive della UI del colosso cinese.

Nello specifico si fa riferimento quindi alla ColorOS 7 distribuita nel corso del 2020, mentre per il 2021 diversi smartphone vedranno arrivare la nuova ColorOS 11, basata su Android 11 ed arricchita di diverse novità volte a rendere l’intero sistema ancora più performante.

Il Huawei Mate 40 Pro+ è stato invece incoronato per le sue prestazioni, superiori ad ogni altro dispositivo grazie ad un punteggio medio che ha toccato gli 871.220 punti. Il dispositivo è mosso da un chipset proprietario, il Kirin 9000 realizzato con un processo produttivo a 5 nm, che potrebbe rappresentare anche l’ultimo SoC di punta di Huawei, a meno che il nuovo governo degli Stati Uniti non revochi i divieti di commercializzazione con i fornitori USA imposti da Trump.

Grazie alla combinazione di 4x Cortex-A55 a 2,05 GHz, 3x Cortex-A77 a 2,54 GHz e 1x Cortex-A77 a 3,13 GHz, la potenza custodita sotto la scocca di questo device ha raggiunto risultati davvero impressionanti, facendo segnare un netto passo in avanti soprattutto dal punto di vista delle prestazioni rispetto alla precedente generazione di processori.

Nella lista dei 10 migliori  smartphone in termini di prestazioni, i restanti 9 modelli sono tutti telefoni di fascia alta equipaggiati con lo Snapdragon 865 o lo Snapdragon 865+. Trovano spazio all’interno della classifica anche l’ASUS ROG Phone 3, il Redmi K30S Commemorative Edition, il Galaxy Note 20 Ultra e lo Xiaomi Mi 10.

Sarà curioso notare se nel corso del 2021 questi equilibri verranno completamente ribaltati o le prossime generazioni di smartphone delle varie aziende continueranno ad offrire delle performance in linea con quelle dello scorso anno.

Master Lu rappresenta una popolare app di benchmark, un pò meno nota rispetto ad AnTuTu e Geekbench, ma allo stesso tempo altrettanto affidabile e molto utilizzata in Cina. Tanto che viene presa spesso in considerazione tra i media occidentali quando si tratta di riportare i risultati relativi magari ad un prodotto non ancora annunciato ufficialmente.

Inoltre, la piattaforma dispone di un database in cui sono registrati tutti i principali smartphone rilasciati nell’ultimo anno e ciò gli consente di rilasciare una classifica con i vari terminali, basandosi sulle prestazioni fatte registrare sotto vari aspetti, inclusa l’interfaccia utente.

I dati vengono archiviati all’interno del Master Lu Data Center e per decretare i vincitori del 2020 sono stati presi in considerazione gli smartphone annunciati dal 1° gennaio al 31 dicembre dello scorso anno, in numero totale superiore a 100.

Su Amazon potete trovare il Samsung Galaxy Watch Active 2 a meno di 200 euro, con uno sconto del 37%. Non farti sfuggire l’occasione, clicca qui.