Android

LG porta in tribunale TCL per violazione di brevetti 4G

LG ha intentato una causa, in Germania, contro TCL accusandola di aver violato tre dei suoi brevetti relativi alle reti 4G LTE per dispositivi mobili. Le violazioni contestate riguardano tre aree chiave: la riduzione della perdita di trasmissione dei pacchetti, riduzione delle interferenze nel processo di sincronizzazione e controllo del timer per la sincronizzazione degli upload.

Il produttore sudcoreano afferma di aver cercato di contattare TCL per risolvere la controversia, ma che alla fine è stato costretto a procedere per vie legali. Non è la prima causa intentata da LG in questo ambito. Lo scorso anno, è toccata a Wiko e nel 2017 a BLU. Nel primo caso, i giudici si sono espressi a favore dell’azienda asiatica, mentre nel secondo caso, c’è stato un accordo di licenza tra le due parti.

LG ha da tempo investito molto nell’innovazione LTE e quando diventa necessario, prendiamo provvedimenti per proteggere questi importanti beni”, ha dichiarato Jeon Saeng-Gyu, Vicepresidente esecutivo del Centro di proprietà intellettuale di LG. “In qualità di leader nella tecnologia LTE, abbiamo la responsabilità di garantire che la concorrenza nel settore avvenga in modo equo e legale. Queste azioni legali hanno lo scopo di proteggere i nostri investimenti e sfidare l’uso illegale dei nostri beni vitali e salvaguardare la competitività del settore per l’innovazione futura “.

Nella nota diffusa della società, inoltre, si legge che secondo TechIPm (società di ricerca e consulenza in materia di proprietà intellettuale) LG è l’azienda che ha rilasciato più brevetti relativi alla tecnologia 4G LTE e LTE-A nel periodo compreso tra il 2012 e il 2016. Strada che sta continuando a percorrere per il 5G, dove – per IPLytics – sembra possedere già l’11% dei brevetti standard rilasciati fino ad oggi.

Il nuovo Redmi Note 8T è disponibile all’acquisto anche su Unieuro. Lo trovate a questo link.