Android

Microsoft Arrow, il launcher per Android che conferma il nuovo corso dell’azienda

Ormai Microsoft è nel futuro. O nel passato, nel senso che il colosso di Redmond ha deciso grazie alla guida di Satya Nadella di tornare ad essere un'azienda il cui core business è il software, cosa che è sempre stata in passato, ma con un'attitudine diversa, più trasversale, che a differenza dell'approccio chiuso ne predilige ora uno più aperto, che prevede la disponibilità del proprio software anche sulle piattaforme competitor.

Il nuovo atteggiamento è ormai ovvio, basti ricordare le mosse più recenti, che hanno visto sbarcare le app Office anche su iOS e Android, assieme a OneDrive. È finito dunque il periodo di confusione post Gates, in cui il colosso di Redmond ha pensato per qualche tempo di poter diventare un'azienda simile ad Apple, capace cioè di costruirsi i propri prodotti hardware/software.

Certo, ci sono gli smartphone Lumia e gli innovativi tablet ibridi Surface Pro 4 e Surface Book, ma servono più che altro a Microsoft per mostrare ai partner cosa si può realizzare allo stato dell'arte, una pietra di paragone e un modello di riferimento per aiutarli a realizzare dispositivi più competitivi, ma non la principale fonte di reddito.

Arrow dunque si inserisce benissimo in questo nuovo/vecchio corso. Il launcher alternativo per Android è appena uscito dalla fase beta ed è ora gratuitamente disponibile sul Google App Store. L'aspetto ricorda un po' il centro controllo di iOS e le sue funzioni sono ancora limitate, per non parlare dell'assenza di animazioni, insomma è un prodotto ancora acerbo che però ha alcune caratteristiche interessanti.

La prima è la capacità di rendere più facilmente accessibili all'utente le app e le impostazioni che usa più frequentemente e di inviare velocemente messaggi a colleghi ed amici, la seconda è il posizionamento: il pannello infatti è richiamabile dal basso, una posizione decisamente più comoda rispetto al centro notifiche sistemato invece in alto e più facilmente raggiungibile col pollice della mano che regge lo smartphone.