Tom's Hardware Italia
Android

Motorola dà la svolta, kit ufficiali per riparazioni fai da te

Il produttore statunitense è il primo a fornire kit ufficiali per ripararsi da soli lo smartphone, riducendo al minimo le spese.

Motorola ha deciso di andare controcorrente e ha siglato un accordo con iFixit per distribuire kit di riparazione e sostituzione dedicati ad alcuni dei suoi smartphone. I kit costano dai 20 a 200 dollari (non sono noti i prezzi in euro) e includono i componenti e gli attrezzi necessari a un intervento fai da te, nonché le istruzioni per procedere.

Si tratta di una prima volta nel mondo degli smartphone (e non solo), dove in genere le aziende fanno il possibile per scoraggiare riparazioni che non siano svolte in centri di riparazione autorizzati – mediamente più costosi di quelli indipendenti e ovviamente del fai da te.

Alcuni credono che la nostra missione implichi che noi non vogliamo lavorare con i grandi produttori. Non è vero. Infatti, è la maggior parte dei produttori che non vuole lavorare con noi. Ma non Motorola; sono il primo grande produttore di smartphone che supporta ciò che facciamo. – Dall’annuncio ufficiale iFixit.

Stando a quanto riportato da The Verge, l’intervento fatto in proprio invaliderebbe la garanzia. Dettaglio particolarmente rilevante nel caso in cui una riparazione maldestra finisca per fare danni ulteriori; una scelta del tutto ragionevole, perché stiamo parlando di danni causati dal proprietario o dal riparatore e non di difetti di fabbricazione – che sono appunto quelli coperti dalla garanzia.

“Per riparatori come noi”, si legge nell’annuncio, “questa collaborazione rappresenta un movimento più grande in favore del Diritto alla Riparazione. È la prova che i produttori OEM e i riparatori indipendenti possono coesistere. Il grande business e la responsabilità sociale, l’innovazione e la sostenibilità non devono escludersi mutuamente. Motorola sta stabilendo un esempio a guida del settore industriale, per una società che guarda avanti: non solo ai margini del prossimo trimestre, ma avanti di decenni, quando i dispositivi saranno una maledizione per la terra”, continua il comunicato ufficiale, ricordando l’incombente tematica dell’ewaste.

Quanto ai prezzi in sé, Motorola propone cifre relativamente sostenute, forse proprio in virtù della collaborazione con iFixit. Per esempio, il kit batteria costa 40 dollari, mentre ce ne vorrebbero solo 29 per un iPhone 6 – mentre per un iPhone X il prezzo sale a 69 euro. I prezzi comunque non sono stratosferici, soprattutto considerando che la confezione include anche attrezzi e istruzioni. I kit disponibili per ora sono 17, per modelli che vanno dal Moto Z al Moto Z Play, dal Moto G4 al Moto G5 Plus e molti altri.

Con i kit di riparazione il Moto G6 Plus è una scelta ancora migliore. Lo trovate a 250 euro circa.