Android

Motorola One Vision: il primo contatto con la modalità Night Vision

A pochi giorni dall’arrivo sul mercato di Motorola One Vision, previsto per il 3 giugno, l’azienda ha organizzato un evento nella divertente cornice del parco tematico Shrek’s Adventure di Londra. Per l’occasione, abbiamo avuto modo di testare il nuovo smartphone Android One della casa alata con un particolare focus sulle performance del comparto fotografico in notturna. Le prime impressioni sono state assolutamente positive, e sembra esserci un netto miglioramento rispetto al predecessore Motorola One.

Motorola One Vision vanta una doppia fotocamera posteriore. Il sensore principale da 1/2.25″ conta 48 Megapixel con obiettivo f/1.7. Sfrutta la tecnologia Quad Pixel che permette di combinare quattro pixel in uno solo da 1,6 µm restituendo scatti realizzati in realtà in 12 Megapixel, ma con un maggiore livello di dettaglio in condizioni di scarsa illuminazione. Nota di merito per la presenza della stabilizzazione ottica dell’immagine, non comune in questa fascia di prezzo. Ad assistere la fotocamera principale c’è un secondo sensore da 5 Megapixel responsabile della profondità di campo. Non mancano gli algoritmi di intelligenza artificiale a supporto del comparto fotografico. È proprio qui che troviamo una delle caratteristiche chiave dello smartphone: la modalità Night Vision.

Senza Night Vision

Parliamo della classica modalità notte che troviamo a bordo anche di altri dispositivi che, grazie all’AI e a un tempo di esposizione più lungo, permette ai sensori di catturare una maggiore quantità luce e di realizzare immagini più nitide in difficili condizioni di illuminazione. Devo ammettere che la qualità delle immagini in notturna è migliorata rispetto alla generazione precedente. Come potete notare dalle immagini presenti nell’articolo, con la Night Vision attiva, lo smartphone riesce a tirare fuori scatti effettivamente più luminosi, con una più ampia gamma dinamica. La location aveva davvero pochissima luce.

Il tempo di esposizione è di circa 2 secondi, in cui bisogna evitare di muovere lo smartphone. In questi casi comunque intervengono, congiuntamente, la stabilizzazione ottica dell’immagine e l’intelligenza artificiale, riducendo “l’effetto mosso”. Le immagini si presentano così con meno rumore e con un buon livello di contrasto. I colori sono fedeli.

Non siamo certamente ai livelli degli smartphone top di gamma come Huawei P30 Pro e Google Pixel 3 XL, ma è comunque un buon risultato se analizzato in relazione al segmento di appartenenza. Motorola One Vision, infatti, arriva sul mercato a 299,99 euro. In tal senso, però, dovrà vedersela con l’agguerrito Redmi Note 7 acquistabile a partire da 179,90 euro. Insomma, non avrà vita facile ma le performance fotografiche lasciano ben sperare.

Senza Night Vision

La fotocamera frontale da 25 Megapixel f/2.0 è incastonata in un foro sul display. In questo caso, non è possibile selezionare la Night Vision. I selfie in notturna, dunque, appaiono meno dettagliati. Purtroppo, non abbiamo avuto l’occasione di scattare foto di giorno. Per questo, ci riserviamo di esprimere un giudizio sulla camera frontale in sede di recensione.

Per quanto riguarda il design, Motorola One Vision ricorda Honor View 20 con il foro per la fotocamera frontale posizionato nell’angolo in alto a sinistra dello schermo. La scocca è realizzata in vetro e la sensazione al tatto è piacevole. Ha un aspetto elegante e la colorazione Sapphire è davvero bella. Lo smartphone è disponibile anche nella variante cromatica Bronze. Il sensore biometrico – su cui è inciso il classico logo Motorola – è posizionato sulla back cover. Il display è un IPS LCD da 6,3 pollici con rapporto di forma in 21:9. Ha dunque la forma allungata come gli ultimi smartphone della gamma Xperia di Sony.

Motorola ha abbandonato il processore Qualcomm in favore del SoC Exynos 9609 di Samsung accoppiato a 4 GB di RAM e 128 GB di memoria interna espandibile tramite micro-SD fino a 256 GB. Troppo presto per poter esprimere un giudizio sulle prestazioni. Avremo modo di approfondire l’argomento in sede di recensione. Stesso discorso sull’autonomia. La batteria è da 3.500 mAh la cui ricarica è affidata alla porta USB Type-C. Non mancano il jack audio da 3,5 mm e il supporto NFC.

Come detto in apertura, Motorola One Vision rientra nel programma Android One. A bordo troviamo Android 9 Pie in versione quasi stock con l’aggiunta di qualche piccolissima personalizzazione da parte del produttore che si limita alla presenza di Moto Action e Moto Display.

Motorola One Vision sarà disponibile in Italia a 299,99 euro a partire dal 3 giugno. Si tratta senza dubbio di uno smartphone interessante che però non avrà vita facile dato l’affollamento che caratterizza questo segmento di mercato. Tuttavia, come già detto, le prime impressioni sono positive e speriamo che non deluda nell’utilizzo quotidiano.

Motorola One è il primo smartphone dell’azienda facente parte del programma Android One. Può essere acquistato attraverso Amazon a meno di 200 euro, lo trovate a questo link.