Windows

Nokia ha venduto 4 milioni di Lumia ma continua a perdere

Nokia ha venduto 4 milioni di smartphone Lumia nel secondo trimestre, in linea con le stime degli analisti. L'azienda ha quindi raddoppiato il numero di Windows Phone venduti rispetto al primo trimestre (2 milioni). Il fatturato complessivo – Nokia non è solo "telefoni", anche se ci focalizziamo su questo settore (qui i risultati completi) – è stato pari a 7,5 miliardi di euro, in crescita di 200 milioni di euro rispetto al primo trimestre (+3%), ma in calo del 19% sullo stesso periodo dello scorso anno.

La perdita operativa registrata è stata pesante, pari a 826 milioni di euro. Meno di 1,3 miliardi toccati nel primo trimestre di quest'anno, ma doppia rispetto ai 487 milioni persi l'anno passato. L'azienda ha incrementato la liquidità di 306 milioni sull'anno precedente, principalmente a causa delle maggiori entrate (400 milioni euro) dovute al pagamento di licenze sui brevetti e al supporto di Microsoft (che questo trimestre le ha staccato un assegno da 196 milioni di euro). L'azienda ha concluso il periodo in esame con una liquidità lorda di 9,4 miliardi di euro e una netta di 4,2 miliardi.

Complessivamente Nokia ha venduto 10,2 milioni di smartphone – un calo del 14% rispetto all'anno scorso. L'azienda di Espoo ha invece incrementato la vendita nel settore dei feature phone, crescendo del 4% fino a toccare un volume di 73,5 milioni di unità. In totale Nokia ha venduto 83,7 milioni di telefoni, in crescita rispetto agli 82,7 del trimestre precedente ma in calo rispetto agli 88,5 milioni dell'anno passato. Il prezzo medio di vendita degli smartphone è cresciuto da 143 a 151 euro, in quanto c'è stato un progressivo spostamento di acquisti da Symbian a Windows Phone.

"Nokia sta intraprendendo azioni per gestire questo periodo di transizione. Il secondo trimestre è stato difficile, ma gli impiegati stanno dimostrando la loro determinazione nel rafforzare la nostra competitività, migliorare il modello operativo e gestire attentamente le risorse finanziarie", ha dichiarato Stephen Elop, amministratore delegato di Nokia. "Abbiamo venduto quattro milioni di smartphone Lumia nel trimestre e intendiamo offrire aggiornamenti agli attuali prodotti Lumia nel tempo, ben oltre il debutto di Windows Phone 8". Per Elop questa versione sarà un importante "catalizzatore" per i Lumia. "Durante il trimestre abbiamo dimostrato stabilità nel settore dei feature phone e migliorato la competitività annunciando i primi dispositivi full touch Asha".

"Stiamo portando avanti con urgenza il nostro programma di ristrutturazione. Ci stiamo sbarazzando di asset non strategici come Vertu e compiendo i passi necessari per ristrutturare l'operatività dell'azienda, come da annuncio di metà giugno (licenziamenti, NdR). Più rapidamente rispetto ai tempi previsti, abbiamo già negoziato la chiusura del sito R&D di Ulm in Germania, mentre la negoziazione per la chiusura già pianificata dell'impianto di Salo in Finlandia sta procedendo con spirito collaborativo. Abbiamo mantenuto la nostra liquidità netta su un livello stabile. Il terzo trimestre sarà ancora difficile ma è prioritario far tornare il nostro business Devices & Services a macinare un flusso di cassa operativo positivo il più rapidamente possibile".