Android

Passare da iPhone ad Android, guida semplificata

Pagina 1: Passare da iPhone ad Android, guida semplificata

Domani sera Apple presenterà il nuovo iPhone e come ogni anno milioni di consumatori lo metteranno nella loro personale lista degli acquisti, da comprare non appena possibile. Tanti altri tuttavia sanno fin da ora che l'iPhone del 2016 non porterà moltissime novità.

Depositphotos 56387097 l 2015
Immagine: 2nix per Depositphotos

Avrà naturalmente hardware migliore e sarà più potente, sarà quasi certamente impermeabile ed è altrettanto probabile – quasi certo – che non ci sarà la presa jack per le cuffie. Quest'ultimo in effetti è un punto su cui molti storcono il naso.

Vedi anche: pagina speciale iPhone 7

Per il resto l'iPhone 7, questo il nome del nuovo iPhone, sarà molto, molto simile all'iPhone 6s. Per non dire pressoché identico. Nel frattempo i top di gamma Android continuano a migliorare, e sarebbe strano se non ci fossero in effetti molte persone che stanno pensando di "lasciare" l'amato iPhone in favore proprio di uno tra i migliori smartphone Android.

Se siete tra questi e temete che qualcosa possa rivelarsi troppo difficile, o che insorgano problemi insormontabili, ebbene non preoccupatevi. Passare da iOS ad Android è piuttosto semplice, e anche le cose più complicate si possono risolvere con uno sforzo minimo.

L'interfaccia è molto diversa?

Le basi sono le stesse: le applicazioni sono rappresentate da un'icona a schermo, si tocca per avviarle, si scorre nelle varie direzioni. Il telefono è organizzato in "pagine" e si passa da una all'altra scorrendo a destra e a sinistra. Questa somiglianza è sufficiente per non sentirsi spaesati all'inizio.

Depositphotos 121386670 l 2015
Immagine: jacoblundphoto per Depositphotos

Ci sono anche differenze interessanti: Android per esempio ha un tasto "indietro" universale – una delle cose che ci mancano su iOS in effetti. Per quanto le differenze esistono, non dovrebbero mettere in difficoltà nessuno che abbia usato un iPhone negli ultimi anni.  

Leggi anche: 10 cose di Android che mi mancano su iPhone

Perderò i contatti?

No, assolutamente. Sono ormai molti anni che i contatti e gli altri dati non stanno più sul telefono o sulla scheda SIM, o almeno non necessariamente.

È possibile ritrovare tutto sullo smartphone Android e tutto quello che serve è un account Google, se non ne avete già uno. Potete seguire questa semplice guida, e lasciare il tempo necessario affinché iOS si sincronizzi con Google. Sul nuovo smartphone Android, basterà accedere con lo stesso account Google e ritroverete tutte le informazioni: non solo i contatti, ma anche gli appuntamenti in rubrica e le email – se già usavate i dati di Google su iPhone.

Esistono anche altre procedure, come l'esportazione/importazione dei contatti tramite un file ad hoc, ma la sincronizzazione tramite il cloud di Google è sicuramente la procedura più semplice e indolore.