Android

Pixel 2 si fa in tre: Muskie, Walleye e Taimen

Google sta lavorando attivamente sulla prossima generazione di dispositivi Pixel. Dopo la richiesta di feedback sull'attuale versione per poter migliorare la prossima generazione, alcune fonti interne alla società avrebbero confermato l'arrivo di questi smartphone annunciandone i nomi in codice. Secondo le fonti, i modelli in arrivo potrebbero essere tre, Muskie, Walleye e Taimen.

Google per il nome in codice dei propri terminali in fase di sviluppo, utilizza una nomenclatura particolare. L'azienda di Mountain View infatti sceglie nomi provenienti dal mondo ittico. Con Walleye e Muskie infatti si identificano due pesci che vivono in acqua dolce molto diffusi nel Nord America mentre Taimen indica il salmone siberiano.

google pixel 2 2

Sebbene i nomi in codice non rivelino nulla sotto il profilo hardware, è capitato in passato che Google scegliesse nomi di grandi pesci per indicare dispositivi con una diagonale del display più ampia. Infatti per il tablet Nexus 10 è stato usato il nome Mantaray, la nostra Manta. Shamu invece è il nome di un'Orca, scelto per indicare il Nexus 6.

Se si dovesse continuare a seguire questa strada, il Walleye dovrebbe essere il Pixel XL 2 in quanto il pesce ha dimensioni maggiori del Muskie (Pixel 2). Taimen invece resta un mistero. La specie ittica associata a questo terminale è la più grande della propria famiglia, ma non quanto una manta o un'orca. Considerando che il Pixel XL può già vantare un display da 5.5 pollici è difficile immaginare l'arrivo di un eventuale Pixel XXL nel corso 2017. Presentare lo stesso smartphone con tre diagonali diverse potrebbe essere una mossa controproducente.  

google pixel 2

Partendo da questa considerazione, il nome potrebbe benissimo indicare che il dispositivo in fase di sviluppo potrebbe essere slegato dal settore smartphone e dal brand Pixel. Questa scelta lo potrebbe porre in un segmento a parte indicando così un tablet simile al Nexus 7 o un convertibile 2 in 1. Al momento si tratta solo di supposizioni, ma ci aspettiamo che tutti questi modelli verranno presentati durante il Google I/O 2017 e che verranno lanciati con Android O (Oreo?) preinstallato.