Windows

Qualcomm: ecco Snapdragon 7c, 8c e 8cx Enterprise per i PC sempre connessi

Qualcomm ha dedicato l’ultima giornata dello Snapdragon Tech Summit 2019 ai PC sempre connessi. L’azienda californiana ha infatti annunciato le nuove piattaforme per questi dispositivi, razionalizzando il proprio catalogo e, contemporaneamente, introducendo tutta una serie di novità. Ecco dunque nascere lo Snapdragon 7c, lo Snapdragon 8c e lo Snapdragon 8cx Enterprise.

Come sempre con questo genere di processori, i dispositivi di riferimento sono computer portatili fanless, estremamente portatili, che devono ovviamente avere un occhio particolare per l’autonomia. Al contempo però, Qualcomm ha lavorato alacremente per garantire prestazioni comunque elevate, che possano finalmente avvicinare queste macchine a quelle basate su piattaforme hardware che potremmo definire tradizionali.

Del resto, siamo difronte a un percorso iniziato a fine 2016, con l’annuncio del supporto alle piattaforme ARM da parte di Windows 10. Una vera e propria rivoluzione per l’epoca, che in questi anni ha faticato a imporsi sul mercato in termini di numeri, ma su cui Qualcomm ha sempre dimostrato di credere. Non a caso, lo scorso anno è arrivato lo Snapdragon 850, primo SoC con questa architettura a essere pensato espressamente per i computer.

L’azienda di San Diego non ha ancora svelato tutti i dettagli tecnici dei nuovi processori, anche se comunque alcune informazioni sono state rilasciate. Sappiamo infatti che lo Snapdragon 7c è stato pensato per i dispositivi entry level ed è caratterizzato da CPU octa-core Qualcomm Kryo 468. La connettività è garantita dal modem Snapdragon X15 (per cui ci si ferma allo standard LTE), mentre la parte grafica è affidata alla GPU Adreno 618. Non manca la componente di intelligenza artificiale, con un AI Engine in grado di garantire una capacità di calcolo pari a 5 TOPS.

Per quanto riguarda lo Snapdragon 8c invece, Qualcomm parla di prestazioni aumentate del 30% rispetto allo Snapdragon 850, con un’autonomia che potrà comunque superare la giornata di utilizzo (grazie anche al processo produttivo a 7 nanometri). In questo caso, la capacità di calcolo garantita dall’AI Engine è di 6 TOPS. Infine, lo Snapdragon 8cx è stato pensato per la fascia alta e, rispetto agli altri due SoC, mette a disposizione la connettività 5G.

Insomma, un ampio catalogo che consentirà a Qualcomm di poter offrire ai produttori di computer un ventaglio di scelte. Attendiamo comunque maggiori dettagli tecnici in merito a queste nuove piattaforma hardware. Appare evidente comunque come i computer sempre connessi siano destinati a rappresentare il futuro del settore ultrabook.

Lo Xiaomi Mi Mix 3 è disponibile in offerta su Amazon a meno di 300 euro. Lo trovate a questo link.