Tom's Hardware Italia
Android

Qualcomm testa il 5G su mobile, fino a 5 Gbps in download

L'azienda statunitense ha messo alla prova lo Snapdragon X50, modem mobile 5G annunciato lo scorso anno, e che si prepara a essere integrato negli smartphone a partire dal 2018.

Fino a 5 Gbps in download. Sarà questa velocità il futuro delle connessioni di rete in ambito smartphone, grazie allo standard 5G. Qualcomm ha infatti annunciato di aver testato sul campo lo Snapdragon X50, nuovo modem mobile che opera sulla banda ad onde millimetre da 28 GHz. La rivoluzione sembra pronta a partire già nel 2018.

Lo Snapdragon X50 è stato in realtà annunciato lo scorso anno, quando l'azienda statunitense aveva già chiarito come i test sul campo sarebbero arrivati nella seconda metà del 2017, nella logica di poterlo integrare, proprio dal 2018, negli smartphone destinati al mercato.

PA187796

Il modem consente la carrier aggregation 8 x 100 MHz, dando accesso a uno spettro a 800 MHz rispetto agli 80 MHz (4 x 20 MHz) del modem LTE Snapdragon X16. Tutta questa bandwidth extra garantisce una velocità teorica di download fino a 5 Gbps.

Leggi anche: Modem 5G Qualcomm Snapdragon X50, download fino a 5 Gbps!

L'uso di lunghezze d'onda elevate ha un lato negativo, ossia la loro limitata penetrazione e copertura. Qualcomm mitigherà questi problemi utilizzando molte piccole antenne Multiple-Input Multiple-Output (MIMO) e tecnologie adaptive beamforming e beam tracking, avvalendosi essenzialmente del rimbalzo del segnale sulle superfici per aumentare la copertura e aggirare angoli e ostacoli.

Snapdragon X50 5G NR modem

In tal senso, il test sul campo ha permesso di raggiungere la velocità gigabit, ed ovviamente i 5 Gbps saranno raggiungibili una volta che sarà adeguata la necessaria infrastruttura di rete. Ovviamente però la logica è stata quella di testare, per la prima volta, l'accesso di un dispositivo mobile a questa particolare frequenza.

Questo accesso sarà garantito da una particolare antenna ad onde millimetriche sviluppata direttamente da Qualcomm, e che l'azienda statunitense prevede di integrare all'interno dei dispositivi mobili 5G. Non a caso è stato anche creato un reference design, ovvero uno smartphone dedicato al test e allo sviluppo di questo nuovo standard di connettività.

Qualcomm
Lo smartphone reference design di Qualcomm

Questo smartphone reference design sarà utilizzato per i prossimi 12-24 mesi dai produttori e dagli operatori telefonici, nella logica di poter concretizzare le prime offerte commerciali dedicate al 5G a cavallo tra la fine del 2018 e la prima metà del 2019. 

Leggi anche: Cos'è il 5G, come funziona e quando arriverà

Insomma, tutte le realtà che saranno protagoniste del 5G stanno accelerando. Il prossimo anno sarà un crocevia fondamentale al fine di preparare concretamente il terreno alla diffusione su larga scala di questo standard per il 2019. In tutto questo, gli smartphone reciteranno ancora una volta il ruolo di protagonisti.


Tom's Consiglia

LG G6 è stato il primo smartphone borderless dell'azienda sudocreana, attualmente acquistabile su Amazon con uno sconto di 300 euro sul prezzo di listino.