Fitness Tracker

Fitbit Blaze, prova d’uso

Pagina 3: Fitbit Blaze, prova d’uso

Fitbit Blaze, prova d'uso

Il Fitbit Blaze è un prodotto che balza all'occhio, vuoi per il contrasto tra lo schermo nero e la cornice in acciaio, vuoi per le dimensioni. Nel nostro caso il cinturino color prugna ha dato certamente una mano.

Dal punto di vista dell'ergonomia ci siamo trovati bene: il cinturino che ha accompagnato il nostro Blaze, la versione Large, aderisce bene al polso, con 12 tacche di regolazione. Il peso non è eccessivo (44 grammi con cinturino, pesati su bilancia digitale), ma non è certamente discreto come una Mi Band di Xiaomi.

Fitbit Blaze foto 03

Una cosa che non ci è piaciuta è che il quadrante si muove leggermente in verticale all'interno della struttura in alluminio. Insomma, c'è un leggero gioco. Intendiamoci, non è un problema perché non comporta nulla in fase d'uso e non mette a rischio il dispositivo, ma, per una spesa così alta, è un'imperfezione almeno da segnalare.

Anche il touchscreen secondo noi è di bassa qualità, sia per la risoluzione che per quanto riguarda la reattività. Il Fitbit Blaze si può accendere con un doppio tap sullo schermo: molte volte ci siamo trovati a "bussare" molto forte sul display per accenderlo, altro che doppio tap leggero. Indecente.

Fitbit Blaze foto 01

Potete comprare il prodotto con tre cinturini base (nero, blu, prugna), e ce ne sono altri, di lusso, acquistabili a parte: tre tipi di pelle – nera, color cammello, grigio chiaro – a 100 euro oppure in acciaio inossidabile a 140 euro. Come dicevamo nella pagina precedente, il Blaze è accompagnato da un'app molto completa che potete vedere in alcune immagini di seguito:

fitbit applicazione ios 07 PNG
fitbit applicazione ios 06 PNG
fitbit applicazione ios 08 PNG
fitbit applicazione ios 02 PNG
fitbit applicazione ios 01 PNG
fitbit applicazione ios 05 PNG
fitbit applicazione ios 04 PNG
fitbit applicazione ios 03 PNG
Clicca per ingrandire

Si possono indicare anche i litri di acqua bevuti nel giorno, segnarsi gli alimentati ingeriti durante il giorno e le quantità (c'è anche la scansione tramite codice a barre, ma con i nostri alimenti non ha funzionato sempre) e anche tutta una parte "social" con la possibilità di aggiungere amici, vedere i loro progressi e poi ci sono varie sfide giornaliere da soddisfare.

Fitbit Blaze foto 08

L'unione tra Blaze e applicazione è ottima, tutto funziona a dovere e il fatto che ci siano degli obiettivi incentiva a fare sempre meglio. Nulla da eccepire, se non che l'interfaccia della app in certe schermate è un po' troppo affollata, e che la sincronizzazione tra il dispositivo e l'app è un po' lenta. E l'autonomia? Secondo la nostra esperienza dura tra 4 e 5 giorni con un uso medio, per cui quanto affermato da Fitbit è confermato.

Come si usa

Il Blaze è dotato di tre pulsanti, uno sulla sinistra e due sulla destra. Quello a sinistra permette di accendere il display e passando nelle varie schermate assume la funzione di tasto "indietro".

I due tasti laterali a destra svolgono invece funzioni specifiche all'interno delle schermate: per esempio il tasto inferiore può far partire il cronometro e quello superiore azzerare il contattore. Permettono anche di controllare il volume durante la riproduzione di musica. Il Blaze è comunque perfettamente controllabile con il tocco di un dito sullo schermo.

Pigiando il tasto sinistro si accende il display osservando data e orario. Con uno swype da destra a sinistra si passa alla schermata "oggi" dove si possono vedere: passi effettuati con rappresentazione visiva di quanto vi manca all'obiettivo giornaliero, battito cardiaco in quello specifico momento e a riposo, chilometri percorsi, calore stimate e piani saliti.

La seconda schermata si chiama Allenamento e al suo interno permette di tracciare Corsa, Pesi, Ciclismo, Tapis roulant, Ellittica e altri esercizi. Se scegliete Corsa e Ciclismo, il Blaze richiede di connettersi al GPS del vostro smartphone. Per le altre attività – che sono al chiuso – non è richiesto. Se fossimo stati in un ingegnere di Fitbit non avremmo incluso la voce Pesi: non è utile in nulla, non conta le ripetizioni, non serve a ricordarvi la scheda o altro. Inutile.

Fitbit Blaze foto 07

La terza schermata è legata a Fitstar, il vostro "personal trainer al polso". Abbiamo provato il Riscaldamento prima di una sessione di cardio in palestra e 10 minuti di addominali subito dopo, arrivando a concludere che certi esercizi proposti, oltre ai ritmi serrati con cui sono proposti, possono risultare complicati da effettuare per chi è alle prime armi con l'esercizio fisico.

L'altra schermata utile sul Blaze è Impostazioni: dal prodotto potete abilitare o spegnere la vista rapida, ossia la funzione che accende automaticamente il display quando alzate il braccio e girate il polso per vedere l'ora. Da qui potete anche impostare la sensibilità nel rilevamento del battito cardiaco, la luminosità dello schermo e spegnere il dispositivo.