Android

Estetica

Pagina 2: Estetica

Estetica

Note 4 è un po' più imponente e pesante del Note 3. Si allunga di 2,3 mm (153,5), è più largo di 0,6 mm (78,6) e più spesso di 0,2 mm (8,5). Aumenta anche il peso di 8 grammi. A occhi chiusi, solo considerando l'ingombro, la differenza non si sente.

Il layout è lo stesso, grande schermo che occupa tutta la facciata anteriore, altoparlante superiore con fotocamera e sensori ambientali, tasto meccanico sotto allo schermo affiancato da due tasti a sfioramento. Note 4 eredita alcuni dettagli dal Galaxy S5, primo tra tutti il lettore d'impronte digitali posizionato sul tasto Home.

Esteticamente è più bello

La scocca guadagna una cornice in metallo, con un taglio diagonale sui bordi che gli dona lucentezza. Dopo tanta plastica, finalmente Samsung ha ceduto all'uso di un materiale più pregiato, e nonostante sia una questione soggettiva, mi sento di dire che c'è un grande miglioramento rispetto a Note 3. In verità vorrei proprio vedere chi ha coraggio di affermare che il bordo in plastica, con finta cromatura del modello precedente, possa essere migliore. Una lavorazione del bordo inferiore dà l'impressione che sia curvo, ma in verità è solo un effetto ottico.

Nel bordo inferiore c'è la porta Micro USB, che torna ad essere di tipo 2.0, a sinistra c'è il bilanciere del volume, a destra il tasto di accensione e sopra il jack audio e il sensore a infrarossi.

Sembra curvo ma è un effetto ottico

Dietro ritroviamo la plastica finta pelle già vista nel Note 3. Non si può avere tutto, vero? C'è però da considerare che è possibile rimuovere il pannello posteriore per accedere al vano batteria, una caratteristica per alcuni importante, e i design completamente in metallo solitamente non offrono questa opportunità.

###old3249###old

Non manca l'immancabile pennino, che si estrae dal bordo inferiore, mentre dietro spunta l'obiettivo della fotocamera con flash e alcuni sensori che vedremo fra poco.