Android

Software, fotocamera e conclusioni

Pagina 2: Software, fotocamera e conclusioni

A bordo troviamo Android 8.0 Oreo, personalizzato con la EMUI 8.0. In tal senso, non ci sono particolari novità, si tratta dell'interfaccia dell'azienda cinese che abbiamo ormai imparato a conoscere su altri dispositivi. Huawei ha ormai raggiunto una coerenza stilistica convincente, con i vari menù, schermate ed effetti che ben si integrano tra loro.

Screenshot 20180219 103037
Screenshot 20180219 103048
Screenshot 20180219 103106

Come detto nella sezione delle prestazioni, la sensazione è che Huawei possa lavorare per migliorare l'ottimizzazione tra software ed hardware. Abbiamo visto la EMUI garantire un'esperienza utente maggiormente fluida, anche su dispositivi appartenenti al medesimo segmento. In ogni caso, ho apprezzato particolarmente la presenza di Android Oreo "out-of-the-box", un aspetto non così scontato, considerando anche la fascia di prezzo in cui si colloca questo Huawei P Smart.

Fotocamera

Sul retro troviamo una dual-camera, composta da un sensore principale da 13 MP accoppiato ad un secondo sensore da 2 MP. Quest'ultimo si occupa soprattutto di migliorare la rilevazione della profondità di campo, consentendo di agire sulla messa a fuoco in post produzione. Tutto è ovviamente coadiuvato dal solito flash LED.

DSC00221 copia

Gli scatti in diurna sono buoni, l'effetto bokeh viene ovviamente esaltato dalla presenza della dual-camera, ed in generale le fotografie realizzate da Huawei P Smart durante il giorno sono convincenti. Diverso il discorso in notturna, dove subentra parecchio rumore ed una gestione delle luci artificiali rivedibile. I video vengono registrati fino alla risoluzione Full-HD a 30 FPS, con una qualità discreta.

IMG 20180127 224257
IMG 20180211 162540
IMG 20180211 163435
IMG 20180127 224150
IMG 20180211 162642
IMG 20180211 165655
IMG 20180127 223915
IMG 20180211 224109
IMG 20180211 162827
IMG 20180127 224216

Sulla parte frontale è stata invece posizionata una fotocamera da 8 MP che, nell'ottica dei selfie, fa il proprio dovere, anche se soffre particolarmente le condizioni di bassa luminosità. In generale, un comparto fotografico godibile ma comunque ben lontano da quello degli smartphone top di gamma.

Conclusioni

Huawei P Smart si colloca in un segmento di mercato complicato. Come detto in apertura, la stessa azienda cinese in questa fascia ha diversi modelli a catalogo, in alcuni casi con specifiche tecniche simili. Il prezzo di listino è di 259 euro, ma oggi ad una cifra molto vicina è possibile acquistare, attraverso Amazon, sia il Mate 10 Lite che l'Honor 7X, entrambi con il SoC Kirin 659 ma con 1 GB in più di RAM.

DSC00212 copia

Ci sono però due aspetti che possono far ricadere la scelta su questo Huawei P Smart, ovvero Android 8.0 Oreo nativo (sia Mate 10 Lite che Honor 7X hanno Nougat a bordo) e la maneggevolezza. Il pannello da 5,65 pollici, incastonato nella scocca con cornici ridotte, riesce a garantire dimensioni e peso contenuti senza rinunciare a uno schermo ampio, divenuto ormai irrinunciabile viste le funzionalità garantite dai moderni smartphone. 

Leggi anche: Huawei P20 Plus, batteria da 4.000 mAh per sfidare i rivali

Considerando inoltre come i 259 euro richiesti per questo P Smart siano destinati a scendere nelle prossime settimane (lo si trova già scontato su Amazon), si tratta di uno smartphone che potrebbe dire la sua nel proprio segmento, soprattutto nei confronti degli utenti che sono alla ricerca di un dispositivo da poter utilizzare agevolmente con una mano, senza voler rinunciare a una buona scheda tecnica.


Tom's Consiglia

Siete alla ricerca di uno smartphone che garantisca buone prestazioni a prezzo contenuto? Il Huawei P8 Lite 2017 può essere la scelta giusta.

Huawei P10 Huawei P10