Apple

Recensione iPad Pro, nelle mani di un artista

Pagina 1: Recensione iPad Pro, nelle mani di un artista

Matthew Watkins: www.watkinsmedia.com 

L'iPhone 2g seppe sorprendermi. Una volta installata la mia prima applicazione per il disegno e la pittura digitale realizzai che avrei finalmente potuto portare in tasca un potente strumento per fare arte: il mio telefonino. E questo cambiò radicalmente i miei personali processi creativi. Fu allora che da illustratore e creativo mossi i primi passi verso la Mobile Digital Art e il FingerPainting.

Poi arrivò l'iPad e come migliaia di altri iPhone Fingerpainter, mi sembrò che fosse una rivoluzione pensata apposta per me. Nonostante Apple si affannasse a dichiarare che il focus del nuovo device fosse tutto concentrato sul consumo dei contenuti digitali piuttosto che sulla loro produzione, io e i miei colleghi non ci sbagliavamo: iPhone e iPad erano destinati a diventare killer application per la mobile digital art. E lo divennero davvero. In fondo non è un caso che Steve Sprang, il creatore di BrushesApp, fu tra i pochi chiamati a condividere la propria esperienza nel corso della presentazione del primo iPad.

matthew watkins demo ipad pro

Negli anni ho comprato diversi iPad, alcuni migliori di altri, accomunati da un lento ma costante miglioramento delle prestazioni, che mi interessano molto di più rispetto al lento assottigliarsi del dispositivo. Miglioramenti che comunque non mi hanno mai messo nella condizione di dovermi preoccupare di passare da iPad Air 1 a Air 2 per migliorare il mio processo creativo. Una preoccupazione che adesso è un'urgenza con iPad Pro. Perché Apple ha cambiato davvero lo scenario, creando un dispositivo capace di colpire il target di artisti, designer e menti creative. Non a caso GarageBand e iMovie sono preinstallati.

Ho avuto l'occasione di essere tra i primi a comprarlo in Italia (vivo a Bari), ma purtroppo c'è da attendere ancora per il pennino e la tastiera – anche i miei amici e colleghi americani mi raccontano di un ritardo con gli accessori. Aspetterò di ricevere il mio pencil ma, va bene, continuerò a dipingere con le dita. Almeno per il momento.