Android

Piattaforma hardware, prestazioni e schermo

Pagina 3: Piattaforma hardware, prestazioni e schermo

Il cuore pulsante di LG Q8 è rappresentato dal SoC Snapdragon 820, accoppiato in questo caso a 4 GB di RAM e alla solita GPU Adreno 530. Si tratta di una piattaforma hardware che ha caratterizzato buona parte dei top di gamma della prima parte del 2016, e che risulta essere assolutamente attuale ancora oggi.

Schermo 5,2 pollici QHD, 1.440 x 2.560, 564 ppi, IPS LCD, Gorilla Glass 4 + 2.1 pollici, 160 x 1.040, IPS LCD
SoC Snapdragon 820 Quado-Core 2.15 GHz
GPU Adreno 530
RAM 4 GB
Storage 32 GB espandibili tramite micro-SD
Fotocamera posteriore 16 MP f/1.8 OIS + 8 MP f/2.4 grandangolare, flash LED Dual-Tone, autofocus laser
Fotocamera anteriore 5 MP f/1.9 grandangolare
Connettività LTE cat.6
Reti LTE cat. 6, bande 1,3,4,5,7,8,12,17,20,28,38
Sicurezza Sensore per il riconoscimento delle impronte digitali posizionato sul retro, Knock Code
Batteria 3.000 mAh
Ricarica USB Type-C 1.0, standard di ricarica rapida Quick Charge 2.0 con caricabatteria compatibile incluso nella confezione
Dimensioni 149 x 71.9 x 8 mm
Peso 146 grammi
Sistema operativo Android 7.0 Nougat personalizzato con interfaccia LG UX
Colori Titanium Grey
Prezzo 599 euro

LG Q8 si comporta in maniera egregia durante l'utilizzo quotidiano. Ho riscontrato però qualche tentennamento nella dissipazione del calore, specie quando lo smartphone viene messo particolarmente sotto stress durante la navigazione web (con molte tab aperte) o durante le sessioni di gaming.

In questi contesti, la back cover si surriscalda, e questo incide inevitabilmente sulla batteria e sulle prestazioni generali. Nulla di drammatico, anche perchè si tratta di un comportamento circoscritto a determinate situazioni. Non è escluso che LG possa risolvere questa criticità con un aggiornamento software, visto che lo Snapdragon 820 ha ben figurato in altri dispositivi anche se messo sotto stress.

Screenshot 2017 09 11 22 14 10
Screenshot 2017 09 11 22 14 03
Screenshot 2017 09 07 20 44 54

In ogni caso, i benchmark eseguiti con AnTuTu hanno restituito un punteggio pari a 127.008 punti. È evidente dunque come la piattaforma hardware del Q8, almeno sulla carta, sia di buon livello anche nel 2017. Non siamo ovviamente in presenza di un top di gamma, ma era sicuramente lecito attendersi qualcosina di più.

Display

La parte frontale è dominata da uno schermo da 5,2 pollici QHD (1.440 x 2.560, 564 PPI), realizzato con tecnologia IPS LCD e protetto da un vetro Gorilla Glass 4. La resa cromatica è di buon livello, così come il contrasto. Da apprezzare anche l'ottimo trattamento oleofobico, con il pannello che trattiene pochissimo le impronte digitali.

Recensione LG Q8

La luminosità è buona ma non eccelsa, e in generale non colpisce visivamente come quella dei top di gamma. Lo schermo si vede comunque bene anche sotto la luce diretta del sole, complice la tecnologia utilizzata e un vetro poco riflettente. Insomma, un display che convince, senza far gridare al miracolo.

Lo schermo principale è però coadiuvato da un secondo display, posizionato superiormente sulla parte frontale. Si tratta di un pannello da 2.1 pollici con risoluzione 160 x 1040, anch'esso realizzato con tecnologia IPS LCD. Un'idea anch'essa mutuata dalla gamma V, che però non è stata implementata nel nuovissimo V30.

Recensione LG Q8
Recensione LG Q8
Recensione LG Q8

Questo display permette di mostrare informazioni anche a schermo bloccato. È possibile interagirci e ricevere in tempo reale informazioni sulle notifiche in arrivo, attivare delle scorciatoie o recuperare le ultime app utilizzate. Personalmente l'ho trovato decisamente più funzionale di un semplice LED di notifica, una di quelle innovazioni realmente utili, che mi aveva già convinto ai tempi del V10.

Da un punto di vista energetico, il secondo schermo incide in maniera marginale sull'autonomia. Il fatto che sia always-on è comunque un aspetto relativo in quanto, quando il pannello da 5.2 pollici è spento, lui riduce al minimo la luminosità, pur rimanendo visibile anche all'aperto. Insomma, una peculiarità che vorrei diventasse uno standard in tutti gli smartphone LG.