Tom's Hardware Italia
Android

Smartphone tra 350 e 450 euro: tante alternative valide, i top di gamma tremano

La presentazione dei Pixel 3a e 3a XL di Google ha nuovamente confermato la netta evoluzione degli smartphone di fascia media.

Il 2019 ha confermato una tendenza nel mercato smartphone ormai emersa da circa due anni: la qualità media dei dispositivi di fascia media si è alzata vertiginosamente, tanto da avvicinarsi a quella dei top di gamma come mai prima d’ora. Proprio la conferenza d’apertura della Google I/O 2019, tenutasi nella giornata di ieri, ha ulteriormente confermato questo scenario.

L’azienda di Mountain View ha infatti svelato i nuovi Pixel 3a e 3a XL, posizionati rispettivamente a 399 e 479 euro. Sto testando da qualche giorno la versione con schermo da 6 pollici e, in attesa di raccontarvi la mia opinione definitiva in sede di recensione, posso anticiparvi che mi sta convincendo appieno, soprattutto a livello fotografico. Un ambito, quest’ultimo, dove solitamente i top di gamma hanno sempre avuto una marcia in più.

Intendiamoci, gli smartphone premium mettono ancora a disposizione caratteristiche per certi versi uniche. Pensiamo al Huawei P30 Pro con il suo zoom periscopico, un’innovazione concreta come non se ne vedevano da un po’, oppure al meraviglioso display con tecnologia Dynamic AMOLED con cui Samsung ha equipaggiato i nuovi Galaxy S10 e S10+.

Il punto però è comprendere quanto queste caratteristiche siano poi cruciali e indispensabili nell’utilizzo quotidiano di uno smartphone. Del resto, i Pixel 3a e 3a XL sono in ottima compagnia: a 349 euro oggi è possibile acquistare un prodotto come il Mi 9 SE (Snapdragon 712, 6 Gigabyte di RAM e tripla fotocamera posteriore), e sempre Xiaomi propone a 449 euro il Mi 9, equipaggiato con lo Snapdragon 855.

I dati di mercato da tempo sottolineano come gli smartphone di fascia media stiano continuando progressivamente a rosicchiare market share ai top di gamma. In tal senso, il recente andamento degli iPhone (ricavi scesi del 17% nel secondo trimestre fiscale del 2019) testimonia come gli utenti siano sempre meno disposti a pagare determinate cifre, a fronte di medio gamma che offrono ormai un’esperienza utente decisamente convincente.

Il cerchio potrebbe chiudersi proprio con l’avvento degli smartphone pieghevoli. Potrebbero essere questi ultimi a monopolizzare la fascia alta del mercato, facendo progressivamente scomparire i top di gamma così come li conosciamo oggi e rivolgendosi a una precisa fascia d’utenza, che magari desidera la tecnologia più recente. Di contro, verrebbe ulteriormente rinforzato il segmento medio, che pare davvero destinato a fare la voce grossa nei prossimi anni in termini di vendite.

Del resto, aziende come Huawei e Xiaomi hanno costruito i loro recenti successi certamente non sui top di gamma. La sensazione è che l’ascesa dei medio gamma vista in questa prima parte del 2019 sia solo un assaggio di ciò che accadrà nel corso dell’anno. In tal senso, sarà certamente interessante verificare le mosse di Apple: chissà che l’azienda di Cupertino si convinca finalmente a immettere sul mercato un iPhone a prezzi davvero competitivi.

I top di gamma Pixel 3 XL e Pixel 3 sono disponibili sullo store ufficiale. Li trovate a questo link.