Tom's Hardware Italia
Android

Sony Xperia 5, la nostra anteprima da IFA 2019

Hand-on Sony Xperia 5, nuovo smartphone top di gamma dell'azienda giapponese basato sullo Snapdragon 855. In Italia a 799 euro.

Xperia 5 rappresenta un cambio di strategia importante per Sony. L’azienda giapponese, negli ultimi anni, ha immesso sul mercato due top di gamma l’anno, scandendone la commercializzazione in base ai periodi del Mobile World Congress e dell’IFA. Lo smartphone presentato quest’anno nel corso della fiera tedesca è invece un prodotto che, a livello commerciale, può tranquillamente convivere con Xperia 1.

La scelta dunque di differenziare nettamente i due top di gamma mi convince. Xperia 5, a differenza del fratello maggiore, è rivolto a coloro che cercano uno smartphone più compatto (6,1 pollici contro 6,5), più economico (799 euro contro 949 euro), senza però voler rinunciare a prestazioni di alto livello (piattaforma hardware e parte fotografica sono praticamente identiche).

Tutto questo senza però snaturare il progetto inaugurato con Xperia 1. Anche in questo caso infatti abbiamo un display con rapporto di forma in 21:9, divenuto ormai un vero e proprio marchio di fabbrica per Sony. Grazie a questo aspetto e allo schermo da 6,1 pollici, Xperia 5 si tiene benissimo in mano. Finalmente un dispositivo top di gamma con una buona ergonomia.

La resa del display, la cui risoluzione scende al Full-HD+ rispetto ai 4K di Xperia 1, sembra comunque molto buona. Peraltro, la scelta di Sony è stata quasi obbligata, considerando la presenza di una batteria da appena 3.140 mAh. Quest’ultima rappresenta certamente uno dei punti interrogativi attorno a questo smartphone, anche perché lo Snapdragon 855 è un processore potente, con tutte le conseguenze del caso.

Davvero molto belle le diverse varianti cromatiche di Xperia 5. Nella video anteprima potete osservare la colorazione rossa, ma anche quelle bianca, nera e verde sono ben riuscite. Poco da dire sulla qualità costruttiva, da sempre uno dei punti di forza dei prodotti Sony. La scocca è realizzata in vetro e metallo e, complici le dimensioni, non ho avvertito una sensazione di “scivolosità”.

Insomma, Xperia 5 sulla carta convince. Certo, considerando l’attuale quota mercato di Sony nel mercato smartphone, probabilmente sarebbe stato necessario un prezzo di listino più aggressivo. A 799 euro dovrà scontrarsi con concorrenti assolutamente agguerriti (pensiamo a OnePlus 7 Pro a 829 euro), ma deprezzamento e dimensioni compatte potrebbero giocare a favore dello smartphone Sony.

Lo smartwatch Amazfit BIP con autonomia di oltre due settimane è disponibile a 69 euro su Amazon.