Android

TCL 20 5G recensione, un patto con il diavolo

TCL 20 5G è uno smartphone che punta a portare la connettività di nuova generazione e la tecnologia nella creazione dei display maturata negli anni dall’azienda ad un pubblico più ampio grazie ad un prezzo di vendita relativamente contenuto.

TCL- 20 5G

Il suo design elegante e le specifiche adatte alla maggior parte dell’utenza sono un buon punto di partenza ma, durante il nostro periodo di prova, ci siamo accorti di alcuni punti su cui l’azienda deve migliorare come ad esempio il metodo di distribuzione.

Per portarvi a casa questo TCL 20 5G ad un prezzo interessante dovrete infatti vendere la vostra anima al diavolo… o quasi!

Il bel design fa dimenticare i materiali di “serie B”

A primo sguardo TCL 20 5G potrebbe sembrare uno smartphone decisamente più costoso di quello che in realtà è.

Il retro, nonostante sia realizzato in plastica, ha una doppia tonalità davvero apprezzabile e, nonostante mantenere lontane le ditate sia un po’ un’impresa, tutto sommato il feeling generale in mano è ottimo. Certo, il design ed il posizionamento del modulo fotografico non è dei più originali ma non significa che non sia piacevole.

Credo che le linee di design e l’aspetto generale di TCL 20 5G siano ciò che dello smartphone mi ha colpito di più, sotto questo punto di vista l’azienda ha fatto un ottimo lavoro nonostante abbia voluto risparmiare sui materiali per contenerne il prezzo.

Sul lato destro è presente il pulsante di accensione che integra un lettore di impronte digitali capacitivo rapido e preciso. Poco più in alto il bilanciere del volume.

Sul lato opposto trovano spazio il carrellino per le SIM e un pulsante extra che permette di interagire con Google Assistant. Di default non funziona a schermo spento ma è possibile abilitarlo per l’utilizzo rapido dalle Impostazioni. Purtroppo il tasto non è rimappabile con altre funzioni.

Le dimensioni non sono delle più contenute con 166,2 x 76,8 x 9,1 mm per 206g di peso, tuttavia sono giustificabili vista la grande attenzione che l’azienda ha messo sull’esperienza video e sull’offrire un display di dimensioni generose e alta qualità.

“Display Greatness”?

Il display scelto da TCL per il suo smartphone 5G di fascia media è un IPS LCD da 6,67″ con rapporto di forma 20:9 e un foro al centro della parte alta per l’inserimento della fotocamera frontale.

Nonostante il foro non sia dei più piccoli, nel complesso il design della parte frontale dello smartphone non mi è dispiaciuto. È un peccato che in alcuni punti ai lati del display e nella parte di schermo contenuta tra la cornice superiore ed il foro sia visibile un leggero bleeding, ma nulla di esagerato.

TCL- 20 5G

La risoluzione di 2400 x 1080 pixel è in linea con gli altri smartphone della categoria e sinceramente si tratta di un valore sufficiente per la stragrande maggioranza delle persone. Purtroppo il refresh rate è fisso a 60Hz e la luminosità massima raggiunge solo i 450nit.

Nonostante ciò si tratta di un ottimo pannello, dai colori vividi e dai buoni contrasti, che anche se non dispone delle qualità dei sempre più blasonati OLED si difende davvero molto bene.

TCL ha messo nella realizzazione del pannello e nella sua ottimizzazione via software tutta l’esperienza che ha maturato in molti anni nel settore delle TV. La tecnologia software NXTVISION promette di migliorare automaticamente il contrasto, la nitidezza e i dettagli nelle scene buie dell’immagine e di rendere più simile all’HDR l’esperienza di visione di video e giochi.

Sinceramente credo che il display abbia un’ottima resa anche senza l’utilizzo di queste funzioni che quando abilitate non ho trovato facessero molta differenza. Lo smartphone è comunque compatibile con la riproduzione di contenuti HDR10 più tradizionali.

Hardware perfettamente bilanciato

L’hardware di TCL 20 5G da poco di cui discutere e questa è una cosa positiva. Quando l’hardware di uno smartphone ti fornisce molti spunti di conversazione generalmente è perché ha delle pecche o dei problemi di vario genere.

TCL- 20 5G

TCL 20 5G invece si è comportato nel mio periodo di prova in maniera praticamente impeccabile. Il chip Qualcomm Snapdragon 690 5G non è di certo il più veloce, ma è adatto a scivolare tra le operazioni quotidiane senza particolari problemi. I 6GB di RAM e i 128GB di memoria UFS 2.1 espandibili con MicroSD sono sufficienti praticamente per chiunque.

TCL è riuscita a bilanciare buone prestazioni, sufficiente memoria, connettività di nuova generazione e prezzo contenuto.

Punto forte del prodotto è infatti la presenza di modem e antenne per l’utilizzo della connettività 5G. TCL crede così tanto nella tecnologia e nell’interesse che gli utenti possono avere per la connettività next-gen che propone questo prodotto in esclusiva con gli operatori TIM e Vodafone, i quali dispongono già di una copertura 5G abbastanza estesa sul territorio nazionale.

TCL- 20 5G

A mio parere, nonostante sia qualcosa di utile e che permetterà di utilizzare lo smartphone sulle reti di nuova generazione quando la copertura sarà più vasta, non vale la pena acquistare un dispositivo solo perché può connettersi al 5G. Tutte le altre qualità sono decisamente più importanti e TCL 20 5G non delude nella vita di tutti i giorni.

Per la parte audio, TCL 20 5G può ancora contare sul caro e vecchio jack da 3,5mm per il collegamento delle cuffie con il filo. Purtroppo non viene utilizzata una capsula auricolare amplificata per l’audio stereo ma il suono viene emesso solo da una delle due fessure nella parte bassa dello smartphone.

Il volume è buono e l’audio è di qualità sufficiente. I bassi sono presenti e non c’è nessun effetto metallico o di distorsione esagerata. Il bollino Hi-Res Audio sulla confezione non vi tragga però in inganno, se cercate un’esperienza audio superiore la vostra ricerca dovrà continuare oltre.

Delle fotocamere sorprendentemente ok

Escludendo dalla lista di cose di cui parlare il sensore macro da 2MP con lente f/2.4, soluzione che continuerò a combattere finché ho fiato in corpo, il comparto fotografico di TCL 20 5G non è affatto da sottovalutare.

La fotocamera principale da 48MP f/1.8 con sistema di messa a fuoco PDAF si è comportata in modo affidabile, producendo scatti piacevoli e di cui la maggior parte delle persone non potrà lamentarsi. La saturazione dei colori è forse un po’ forzata ma gli scatti sono belli e pronti per finire sul vostro social network preferito.

La fotocamera secondaria da 8MP f/2.2 è di tipo ultragrandangolare con un campo visivo di 118°. Non la più ampia che abbiamo provato ma la coerenza di colori con il sensore principale è già una grossa vittoria in questa fascia di prezzo.

I risultati sono più dubbi in condizioni di scarsa luminosità dove il rumore appare prepotente e la modalità notte aiuta ma non troppo a causa della mancanza di stabilizzazione ottica.

TCL- 20 5G

La registrazione video in 4K si ferma a 30fps ma abbassando di un gradino verso il FullHD si possono ottenere filmati a 60fps. La qualità è solo ok, non aspettatevi di girare il vostro prossimo corto con TCL 20 5G, ma è in linea con la concorrenza.

La fotocamera frontale da 8MP con lente f/2.0 mi ha invece stupito. Gli scatti hanno un’ottima gamma dinamica e dettagli ben sottolineati per la fascia di prezzo in cui ci troviamo. La registrazione video in questo caso si ferma al 1080p@30fps.

TCL- 20 5G

Software: ai limiti dell’accettabile

Il punto debole di TCL 20 5G è sicuramente la dotazione software. Lo smartphone è infatti ancora fermo ad Android 10 (in un momento in cui la prima Developer Preview di Android 12 è già stata annunciata) anche se le patch di sicurezza sono del 1 gennaio 2021.

TCL- 20 5G

La colpa è però solo in parte da imputare a TCL. Sin dal primo avvio del dispositivo ci siamo infatti accorti che (in perfetto stile 2010 N.d.R.) a bordo è stato installato un software brandizzato dall’operatore di rete mobile TIM.

Non solo l’animazione di accensione e lo sfondo preimpostato ci ricordano che lo smartphone ha l’animo brandizzato ma tra le app presenti sin dal primo avvio troviamo una marea di bloatware. Oltre a tutte, o quasi, le applicazioni TIM disponibili sul Google Play Store troviamo anche Booking, Modern Combat Rebel Guns, OfficeSuite e SpeedManager. Fortunatamente sono disinstallabili.

Per quanto mi riguarda, nel 2021 avere a che fare con un software così carico di applicazioni dalla dubbia utilità senza che venga data la possibilità all’avvio agli utenti di scegliere se scaricarle o no è inaccettabile. Inoltre la lentezza nell’aggiornamento di versione di sistema operativo sottolinea come gli smartphone brandizzati non possano avere futuro.

Cara TCL, questa è una pratica che porta solo svantaggi ai vostri clienti!

Non ho potuto verificare se la versione venduta nei negozi Vodafone abbia questo genere di forte personalizzazione ma ho il vago sospetto di sì. Non sarebbe nemmeno un problema se fosse possibile acquistare un TCL 20 5G no-brand, gli utenti potrebbero per lo meno scegliere. Siccome TCL 20 5G è venduto in esclusiva con TIM e Vodafone sul territorio italiano, si costringe un utente a scegliere a quale operatore affidare il futuro del proprio smartphone lato software.

Per il resto, a parte qualche strana richiesta da parte del launcher di sistema per accedere a tutti i vostri dati, le personalizzazioni fatte da TCL ad Android non sono nemmeno male. La lockscreen ha delle animazioni davvero piacevoli e la scelta al primo avvio della mano dominante per invertire la posizione dei tasti di navigazione permette agli utenti di utilizzare lo smartphone come meglio preferiscono.

Una batteria da un giorno e un po’

La cella agli ioni di litio da 4500mAh installata in TCL 20 5G gli permette di arrivare agilmente alle due giornate intere di utilizzo. Questo è valido fino a quando non viene attivata la connettività 5G, la quale porta lo smartphone a presentare consumi leggermente maggiori.

Non è però un vero problema se siete abituati comunque a ricaricare lo smartphone ogni giorno, TCL 20 5G raggiunge agilmente la fine della giornata e probabilmente gli avanza anche un po’ di energia anche con l’utilizzo più intenso. Le 5 ore di schermo acceso sono sempre possibili, con un po’ di attenzione è possibile raggiungere persino 7 ore.

TCL- 20 5G

La ricarica avviene tramite la porta USB 2.0 Tipo-C che supporta lo standard Qualcomm Quick Charge 4.0+ fino a 18W. L’alimentatore incluso in confezione non supera però i 10W e non è presente la ricarica wireless, mancanza però giustificabile vista la fascia di prezzo.

Conclusione: un patto con il diavolo

A parte la questione riguardante il software ed ai canali di vendita limitati, nel complesso TCL 20 5G è uno smartphone che mi è piaciuto e che si è comportato molto bene nei giorni trascorsi in sua compagnia.

Le fotocamere sono migliori di quanto potessi immaginare dopo aver provato innumerevoli varianti di smartphone dotati di questi sensori. Soprattutto per quanto riguarda i selfie, TCL 20 5G stupisce per la fascia di prezzo in cui si colloca.

TCL- 20 5G

La batteria è sufficiente a resistere anche in caso di utilizzo della connessione dati 5G, uno dei punti di forza di questo medio gamma. Peccato l’inclusione di un caricabatterie da soli 10W in confezione che vi obbligherà ad avere un po’ di pazienza nel caso vi serva recuperare un po’ di energia.

Al prezzo a cui veniva originariamente proposto forse alcuni dispositivi della concorrenza avrebbero fatto di meglio. Tuttavia, vista la presenza di alcune offerte che vi permettono di portarvi a casa TCL 20 5G a soli 199,90 euro, sicuramente è uno smartphone da tenere in considerazione.

Questo vale soprattutto se siete in procinto di vendere l’anima… ehm… stipulare un contratto con uno dei due operatori telefonici che al momento lo distribuiscono in esclusiva.

TCL 20 5G


Se siete alla ricerca di uno smartphone che non vi deluda come prestazioni, abbia un ampio display di qualità su cui godervi contenuti multimediali e, soprattutto, possa sfruttare le reti mobili di nuova generazione, TCL 20 5G è il prodotto adatto a voi. La batteria permette di ottenere tranquillamente due giorni di utilizzo e, anche se l'alimentatore il confezione si ferma a 10W, è in grado di ricaricarsi abbastanza in fretta con un caricabatterie compatibile. Le fotocamere stupiscono per la fascia di prezzo in cui si inserisce e, nonostante la situazione software non sia delle migliori, per la cifra a cui viene proposto in promozione al momento della scrittura della recensione è sicuramente un buon affare!

Pro

  • 5G a prezzo contenuto
  • Buon display con tecnologia NXTVISION
  • Sufficientemente veloce e reattivo
  • Elegante
  • Fotocamere di buona qualità
  • Batteria di grande durata
  • Jack audio da 3,5mm

Contro

  • Software brandizzato TIM e in ritardo con gli aggiornamenti (Android 10)
  • Bloatware TIM e non solo pre-installato
  • Fotocamera macro da 2MP di dubbia utilità
  • Bleeding con luminosità bassa ai bordi del display e attorno alla fotocamera frontale