Android

Test resistenza realme C21: lo abbiamo maltrattato fino a spaccarlo

Non sempre tra i parametri più importanti nella scelta di uno smartphone ci sono la potenza bruta, l’altissima risoluzione del display oppure un design realizzato in materiali pregiati. Molti utenti hanno come unico desiderio quello di acquistare uno smartphone affidabile, resistente, che possa durare negli anni e anche costare poco, perché no.

realme ci ha inviato per una classica recensione un suo smartphone entry level: il modello C21. Durante la prova abbiamo scoperto che questo modello è stato realizzato e certificato con TÜV Rheinland Smartphone High Reliability Certification, una certificazione pensata da realme e TÜV Rheinland dedicata ai primi 3 anni del ciclo di vita dei device.

Abbiamo quindi chiesto a realme se potessimo “provare” questo smartphone per metterlo alla prova in vari test, dando per scontato che prima o poi l’avremmo rotto. Ci è stata concessa questa occasione, quindi abbiamo iniziato a maltrattarlo: ecco fino a quando ha resistito.

copertina

La certificazione TÜV Rheinland Smartphone High Reliability Certification comprende 23 test principali, inclusi dodici scenari di test di utilizzo quotidiano, come caduta, usura e rottura; ci sono sette scenari di test ambientali in condizioni estreme, tra cui temperature e umidità estreme, oltre a test relativi a fluttuazioni di tensione, durata dei pulsanti, elettricità statica e pressione dell’aria. Infine, vengono effettuati quattro ulteriori test di affidabilità delle componenti.

I nostri test sono stati un po’ meno scientifici, dobbiamo ammetterlo, ma hanno portato alla luce la grande resistenza fisica di realme C21 ai piccoli incidenti, che possono capitare nel corso della giornata, e alle cadute estremamente rovinose, per poi cedere solamente quando ci siamo attivamente impegnati per portarlo al punto di rottura.

Test n°1: la scrivania

Abbiamo iniziato con qualcosa di molto semplice, simulando un incidente che chissà a quanti di voi sarà capitato: la caduta dello smartphone da un tavolo. Abbiamo posizionato realme C21 sul piano di una scrivania dall’altezza standard ci circa 75cm e, con molta poca gentilezza, lo abbiamo accompagnato verso il bordo dal quale è poi caduto.

Ad essere onesti, visto il modo in cui lo smartphone ha impattato il pavimento, avrei giurato si fosse rotto. Una caduta del genere se affrontata da uno smartphone con una back cover in vetro sarebbe stata disastrosa, ma non per realme C21. Risultato: nemmeno un graffio!

Test n°2: la tasca

Alzando leggermente il livello di difficoltà abbiamo messo alla prova realme C21 con un altro incidente abbastanza comune: la caduta da “altezza tasca”. Non essendoci un’enorme differenza di altezza tra questa prova e la precedente eravamo abbastanza sicuri che realme C21 avrebbe resistito e così è stato. Anche in questo caso nemmeno un’ammaccatura.

Test n°3: caduta libera

Il test n°3 vede per la prima volta realme C21 alla prova con uno scenario abbastanza improbabile: lo smartphone è stato fatto cadere alzando le braccia verso il soffitto e lasciandolo andare dal punto più alto (io sono alto circa 1,76m, per darvi un’idea).

Dopo un paio di rovinosi rimbalzi, realme C21 si è adagiato sul pavimento a faccia in su come a volerci dimostrare di non essersi fatto ancora nulla: notevole! L’abbiamo raccolto e abbiamo verificato la mancanza di danni prima di passare alla prossima fase.

Test n°4: sfregamento

È il momento di spostarsi all’aperto. Prima di riprendere il maltrattamento più pesante, abbiamo deciso di provare anche la resistenza di realme C21 in un ambiente non proprio ideale per uno smartphone che non dispone di una certificazione IP. Abbiamo preso un sacchetto, lo abbiamo riempito di terra e ghiaia per poi shakerarlo per bene. A parte qualche minuscolo graffietto superficiale sul display, che non impattava in alcun modo sulla visione dei contenuti, tutto ancora perfettamente funzionante.

Test n°5: si vola!

Questo è il momento in cui forse ci siamo fatti prendere un po’ troppo la mano, ma come vedrete a realme C21 non è importato molto. Per questa prova abbiamo fatto cadere il dispositivo sul duro cemento, mentre eravamo in piedi sul settimo scalino di una gradinata che porta al piano superiore dello stabile.

È fatta, l’abbiamo finalmente rotto, è impossibile abbia resistito!” ho pensato tra me e me. Con mio stupore (e un po’ di personale disappunto per tutti gli smartphone danneggiati negli anni da cadute che in confronto sembrano ridicole N.d.R.) realme C21 ne è uscito da vero campione di resistenza! Certo, qualche graffio qui e là, alcune ammaccature prevedibili sulla scocca in plastica, ma generalmente lo smartphone era ancora in ottima forma.

Test n°6: le prime ferite profonde

A questo punto abbiamo deciso di alzare ancora la difficoltà e invece di far cadere lo smartphone verso terra siamo passati ad un tipo di test più severo. Lo smartphone è stato adagiato a faccia in giù su una piastrella da giardino e gli è stato fatto cadere addosso, da un’altezza di circa un metro, un blocco di legno dal peso di circa mezzo kg.

Il blocco di legno è riuscito a lasciare il segno sulla back cover in plastica, niente di esagerato tuttavia, ma per quanto riguarda il retro non erano visibili ulteriori danni. Ruotando realme C21 però abbiamo visto finalmente le prime crepe al display.

realme - C21 drop test

Non pensate però che questa sia la fine della storia: realme C21, nonostante gli evidenti danni al vetro protettivo e anche una rottura di una zona del display sottostante, era ancora completamente funzionante, touch e fotocamera compresi!

Test n°7: si è rotto (finalmente)!

Era giunto il momento del test più estremo che avevamo preparato per la giornata: se realme C21 avesse resistito anche a quello sarebbe stato incluso sicuramente in una lista dei migliori smartphone ultra-resistenti!

Il test è stato abbastanza simile al precedente, ma portato all’estremo: invece di un blocco di legno abbiamo lasciato cadere sul dispositivo un mattone. Sì, avete letto bene, un pesante mattone!

Come prevedibile è stata la fine per il povero realme C21, una fine arrivata però dopo aver resistito a quello che per uno smartphone moderno non-rugged è paragonabile all’inferno, il peggior scenario possibile.

realme - C21 drop test

L’incredibile resistenza alle cadute di questo prodotto ci ha stupiti e mai avremmo pensato sarebbe sopravvissuto alla rovinosa caduta sull’asfalto, da un’altezza così elevata, senza veri e propri danni e addirittura con il display ancora integro.

Certo, dopo l’ultimo test lo smartphone è inutilizzabile, ma molto probabilmente la maggior parte della componentistica interna è ancora perfettamente funzionante ed il modulo fotografico sembra intatto. Anche dopo aver passato una giornata così estrema, con una spesa minima (quella necessaria al cambio di display) realme C21 sarebbe pronto a rialzarsi e a riprendere a combattere!