Apple

VLC torna su iPhone e iPad per riprodurre qualsiasi file

VLC torna nell'App Store, dopo circa due anni di assenza. L'applicazione era comparsa la prima volta nel settembre 2010, ma pochi mesi dopo fu rimossa dagli autori, per via di una controversia su diritti di autore e licenze.

Oggi come allora, VLC per iOS può riprodurre qualsiasi tipo di file multimediale, che sia sul telefono oppure in una cartella di rete. Non manca la possibilità di visualizzare sottotitoli, se disponibili, e l'integrazione con Dropbox. Quest'ultimo dettaglio è interessante perché evita di trasferire fisicamente il file dal computer al telefono/tablet fino al momento di riprodurlo.

È inoltre possibile aggiungere file a VLC anche da un PC senza iTunes, grazie all'interfaccia Web e tramite Wi-Fi. Basta aprire il browser, inserire l'indirizzo specifico creato da VLC, e aggiungere i propri video. Similmente, si può scaricare un video da un server usando VLC, semplicemente inserendo il percorso di rete relativo.

VLC Media Player è compatibile con iOS 5.1 e superiori, e c'è anche qualche opzione per migliorare le immagini in tempo reale, ritoccando saturazione e correzione di gamma. Gli sviluppatori hanno spiegato che occasionalmente ci potrebbe essere qualche rallentamento: dipende dal codec del file, e dal fatto che Apple permette l'uso dell'accelerazione hardware solo in alcuni casi.

VLC Media Player è un'applicazione gratuita, ma non è ancora disponibile per il mercato italiano. In ogni caso, chi ha file AVI, MKV, FLAC e di altro formato che vuole riprodurre sul proprio iPhone o iPad, può usare uno degli altri programmi presenti sull'App Store, tanto gratuiti quanto a pagamento. Il ritorno di VLC sull'App Store ha, tutto sommato, più un valore simbolico che pratico, ma siamo certi che molti lo installeranno non appena possibile.