Android

WhatsApp introduce l’autenticazione con impronta digitale su Android

Era nell’aria da un po’ di tempo, con alcune tracce già presenti nella beta: WhatsApp ha finalmente introdotto l’autenticazione con impronta digitale anche su Android. L’annuncio è arrivato attraverso il blog ufficiale del celebre servizio di messaggistica istantanea che, lo ricordiamo, fa sempre capo a Mark Zuckerberg.

“All’inizio di quest’anno, abbiamo introdotto l’autenticazione con Touch ID e Face ID negli iPhone, al fine di fornire un ulteriore livello di sicurezza agli utenti di WhatsApp. Oggi stiamo introducendo un’autenticazione simile, che consente di sbloccare l’app con l’impronta digitale, sui telefoni Android supportati. Per abilitarlo, basta recarsi in Impostazioni –> Account –> Privacy –> Blocco impronte digitali“.

Insomma, un ulteriore livello di sicurezza per WhatsApp anche nel mondo del sistema operativo di Google. Attivando questa opzione infatti, per accedere alle applicazioni ci si potrà servire solo dell’impronta digitale registrata, fermo restando la possibilità di impostare comunque un PIN manuale. Ennesimo segnale di come il tema della privacy – e della sicurezza informatica in generale – stia oggi particolarmente a cuore ai big dell’hi-tech.

In ogni caso, al fine di evitare di dover inserire l’impronta digitale anche a distanza di pochi secondi, è possibile impostare un timer all’interno di WhatsApp. Allo stato attuale, l’opzione è già apparsa all’interno della versione dell’applicazione installata sui nostri smartphone. Controllate dunque anche sui vostri dispositivi, dovreste poterla già attivare anche voi.

Lo Xiaomi Mi Mix 3 5G è uno degli smartphone compatibili con il nuovo standard di rete e disponibile in Europa. Lo trovate a questo link.