Android

Xperia Z3 senza schermo 2K, Sony dice che non serve

L'Xperia Z3 di Sony è un terminale interessante, ma alcune valutazioni della casa nipponica hanno fatto storcere il naso agli appassionati di smartphone. In particolare la decisione di continuare a usare un display Full HD piuttosto che una soluzione QHD, più al passo con i tempi e il trend dei prossimi mesi.

L'azienda però rivendica la scelta. "Forse la cosa più importante da dire sullo schermo è ciò che non abbiamo fatto. Abbiamo preso la decisione di continuare con uno schermo Full HD per l'Xperia Z3, anche se vediamo che sul mercato alcuni concorrenti stanno portando display 2K", ha dichiarato Calum MacDougall, direttore marketing Xperia di Sony a TrustedReviews.

Una presa di posizione dettata, secondo Sony, dall'impatto degli schermi a risoluzione maggiore sulla batteria, ma non solo. "Ci sono tre ragioni importanti. Anzitutto se pensiamo alla dimensione dello schermo, persino fino a 8 pollici, si tratta di display relativamente piccoli ed è davvero difficile per l'occhio umano discernere la differenza tra 2K e Full HD".

"Dal punto di vista dell'esperienza utente le differenze sono minime, in particolare se aggiungete al tutto le nostre tecnologie televisive che rappresentano la ragione numero due. Abbiamo potato nello schermo, come in passato, un display Triluminous che amplia il gamut, X-Reality che l'equivalente di DSEHX per la TV – migliora le vostre immagini – e questo ci dà uno schermo da 600 candele, un display IPS davvero luminoso che funziona alla luce diretta del Sole senza aver implementato uno schermo 2K".

"Il punto finale riguarda nuovamente i consumi. Riteniamo che una parte chiave dell'esperienza sia avere una batteria a lunga durata, laddove crediamo di poter offrire un grande schermo con Full HD e altre tecnologie Sony. Non siamo certi che il compromesso tra avere uno schermo 2K e il consumo della batteria sia la cosa più giusta per i consumatori".

Presto o tardi però Sony dovrà adeguarsi. E allora vedrete che sviolinata al 2K.