Hot topics:
11 minuti

Sony zoom G Master 12-24 e 16-35, dove inizia il grandangolo

Per molti fotografi il grandangolo "inizia" a 28 mm, cioè significa che tutto quanto sta sotto come lunghezza focale, se sapientemente utilizzato, può contribuire a creare immagini spettacolari dove la prospettiva gioca un ruolo fondamentale.

Sony zoom G Master 12-24 e 16-35, dove inizia il grandangolo

Introduzione

Siamo andati a Stresa, sul lago Maggiore, a provare gli ultimi due zoom ultra-grandangolari prodotti da Sony, ottiche hi-end appartenenti alla pluripremiata serie G. Allo scopo, ci siamo serviti della nuova mirrorless top di gamma α9.

Questi obiettivi, come del resto gli altri della stessa linea, sono progettati senza compromessi per soddisfare le più alte aspettative dei fotografi professionisti. Parlando con i responsabili Sony che hanno lavorato all'ambizioso progetto, l'intento era addirittura quello di superare Zeiss, partner di Sony per molti obiettivi E e A Mount, soprattutto in termini di pure prestazioni ottiche. E, a giudicare non solo dai ritrovati tecnologici impiegati ma dalle immagini scattate durante il nostro Sony day, quest'ambizione sembra più che fondata...

Sony G Master, obiettivi senza compromessi

I Sony della serie G Master nascono per offrire sia la più alta risoluzione che il più bel effetto bokeh possibili da un obiettivo. Entrambi gli aspetti sono fondamentali per il costruttore e per questo hanno ricevuto numerosi premi e riconoscimenti sia dalla stampa specializzata che dai professionisti dell'immagine.

Sony zoom G Master 002

La domanda di fotocamere con risoluzioni sempre più alte, sia per le still picture che per i video, deve andare di pari passo con obiettivi in grado di risolvere il maggior numero possibile di linee per unità di lunghezza mantenendo il contrasto sempre molto alto. I più elevati standard di progettazione garantiscono che i dettagli fini e le texture siano semplicemente... eccellenti. Più avanti vi mostreremo i grafici MTF dei due obiettivi, ma le immagini che sono in grado di rendere, come vedremo, valgono più di qualsiasi test di laboratorio.

Con i due nuovi obiettivi della serie G, Sony è partita da zero progettandoli in modo da offrire un bokeh - cioè la resa delle zone fuori fuoco -  semplicemente eccellente: morbido, pastoso e sfumato. Cosa, oltretutto, non facile da ottenere con grandangolari così spinti.

Sony zoom G Master 003
La speciale lente asferica XA ottimizza le prestazioni degli altri elementi dell'obiettivo per offrire una risoluzione elevata e un effetto bokeh naturale

Il segreto? L'uso di elementi asferici tipo XA (asferico estremo) che sono lavorati con una precisione pari a 0,01 micron e l'avanzata tecnologia di simulazione computerizzata utilizzata nella progettazione delle ottiche.

Sony zoom G Master 004

L'eccellenza degli obiettivi Sony G Master non si limita però solo agli aspetti ottici. La messa a fuoco, ad esempio, è ancor più rapida grazie all'uso di nuovi motori e attuatori. Il barilotto e molte altre parti interne sono realizzate in metallo, mentre la struttura è resistente a polvere ed umidità.

Sony zoom G Master 005

Ulteriori informazioni sulle ottiche Sony G Master si possono trovare qui.

La precedente linea di cinque modelli si arricchisce di due nuovi zoom ultra-grandangolari che andiamo a vedere ora nei dettagli.

Sony FE 12-24 mm F4 G

L'FE 12-24 mm F4 G è l'obiettivo E-Mount con l'angolo di campo più ampio che Sony abbia mai progettato per il formato full-frame (122° - 84°): offre una prospettiva ideale per catturare foto e video di paesaggi, soggetti architettonici e interni, soprattutto quando lo spazio a disposizione per scattare è limitato.

Sony zoom G Master 006

Il design è basato su 17 elementi in 13 gruppi, di cui quattro elementi asferici (per sopprimere l'aberrazione sferica al bordo), tre elementi in vetro ED e di un elemento in vetro Super ED per minimizzare le aberrazioni cromatiche su tutta l'immagine. Il diaframma, di tipo circolare, è a 7 lamelle e il trattamento antiriflesso il Nano AR di Sony.

Sony zoom G Master 007
Nello schema ottico, in viola sono visibili le lenti asferiche, in azzurro la Super ED e in verde le lenti ED
Sony zoom G Master 008
Grafici MTF, ulteriori informazioni qui

Privo di stabilizzatore ottico e dotato di messa a fuoco e zoomata interna, l'SEL1224G racchiude un sistema DDSSM (motore a onde supersoniche Direct Drive) per prestazioni di messa a fuoco automatica veloci e precise, di un pulsante di blocco della MAF personalizzabile e di un selettore della modalità di messa a fuoco (automatica/manuale). Infine, il corpo è resistente a polvere e umidità.

Sony zoom G Master 009
Meccanismo di messa a fuoco interno pilotato da motore Direct Drive SSM

Malgrado la costruzione completamente in metallo e l'elevato numero di lenti, l'obiettivo pesa solo 566 gr. e misura 117,4 x 87 mm. 

Sony zoom G Master 010
Il paraluce è incorporato nell'obiettivo e non è possibile montare alcun tipo di filtro

Le impressioni ricavate durante la prova d'uso sono quelle di un'ottima nitidezza anche ai bordi estremi, bassa distorsione, riflessi molto limitati e controllati.

A proposito di nitidezza, osservate questo esempio che ritrae la magnifica volta di un salone di Villa Borremeo, sull'isola Bella, Lago Maggiore.

Sony zoom G Master 011
FE 12-24 mm F4 G su Sony A9, 1/60 sec., f/5, ISO 400
Sony zoom G Master 012
Crop 1:1 dell'immagine ripresa sopra, bordo estremo. Notare l'elevatissima nitidezza anche agli angoli del frame

Per quanto concerne invece i riflessi, ecco cosa accade puntando l'obiettivo completamente controsole. Le frecce rosse indicano solo un minimo residuo di inter-riflessioni visibili.

Sony zoom G Master 013

Nel complesso, si tratta probabilmente il miglior zoom ultra-grandangolare per formato FF fra quelli da me sinora testati; garantisce la ripresa d'immagini d'effetto e anche "drammatiche" avendo l'accortezza di porre, ad esempio, un soggetto in primo piano.

Il SEL1224G (n.b. "G" e non "G Master") sarà distribuito a partire dal mese di luglio 2017 ad un prezzo indicativo di $ 1.699,99, corrispondenti al cambio attuale a circa 1.520 Euro. Il suo concorrente diretto di terze parti è il Sigma 12-24mm F4 DG HSM Art, che pesa circa il doppio, costa più o meno la stessa cifra ma è disponibile solo per Canon EF, Nikon F (FX) e ovviamente Sigma.

Clicca qui per scarica le foto della galleria a dimensione originale.

Continua a pagina 2
AREE TEMATICHE
Vuoi ricevere aggiornamenti su #Fotografia?
Iscriviti alla newsletter!