Questa testata è partner di La Repubblica e contribuisce alla sua audience
Hot topics:
4 minuti

Teamviewer 12: arriva il controllo da mobile a mobile

Teamviewer arriva alla versione 12 e introduce molte novità tra le quali il tanto atteso controllo remoto da dispositivo portatile iOS, Android, PC, Mac o Windows 10 mobile ad altro dispositivo portatile Android o Windows 10 Mobile.

Teamviewer 12: arriva il controllo da mobile a mobile

Chiunque sia uno smanettone o abbia a che fare con viaggi, lavoro in mobilità o amici pasticcioni conosce Teamviewer, uno dei programmi più famosi di controllo remoto per PC e Mac.

La sua arma vincente è sempre stata la semplicità con la sua interfaccia in stile Skype dove i computer da controllare sono elencati come contatti: un doppio clic e il dispositivo è a portata di mano ovunque, anche se "nascosto" dietro reti nattate o addirittura connesso tramite rete mobile.

Screenshot 2016 11 12 23 43 08
Comodissimo per aiutare amici e parenti: ti chiamano perché hanno un problema? Digli di scaricare Teamviewer, darti ID e password e poi ci metti le mani direttamente, senza impazzire al telefono.

Fino alla versione 11, le versioni per Android e iOS permettevano solo di collegarsi a computer Windows, Linux o Mac, ma dalla versione 12 è arrivato il controllo remoto completo anche per dispositivi Android e Windows 10 Mobile.

Una versione iOS è pronta, ma è al vaglio di Apple che difficilmente concederà l'autorizzazione a pubblicarla sullo Store per la sua nota politica sulla sicurezza dei dispositivi che etichetterà sicuramente Teamviewer come una potenziale minaccia per i suoi clienti.

Quella della gestione dei dispositivi mobili non è la sola novità presente in Teamviewer 12 che presenta tutta una serie di migliorie e nuove funzioni, molto interessanti anche nell'ambito delle grandi aziende.

Screenshot 2016 11 12 23 41 25
Un'altra delle grandi comodità di TW: la quantità di piattaforme per il quale è disponibile.

Partiamo con un miglioramento della gestione dei video dei desktop remoti che adesso sono disponibili con un refresh che può arrivare fino a 60 frame al secondo, mentre la velocità di trasferimento dei file è stata portata fino a 200Mb/s.

Una funzione di "Post-it rapido" permette di lasciare sul desktop del computer controllato un messaggio chiaramente visibile che non scompare dopo la disconnessione, in modo da mostrare avvisi e informare chi di dovere sulle operazioni compiute.

Una serie di API permette inoltre di impostare in maniera semplice e, soprattutto, veloce le policy d'uso del programma da inviare poi a tutte le postazioni dell'azienda e del reparto gestito.

2016 11 11 (2)
Un estratto delle migliorie e dei delle nuove funzioni implementate nella versione 12.

Un occhio di riguardo è stato dato anche all'aspetto sicurezza, dimostrando che per una volta un'azienda corre ai ripari prima di aver avuto una brutta esperienza.

A giugno di quest'anno, infatti, c'erano state molte segnalazioni relative a utilizzi fraudolenti di Teamviewer e in tanti avevano sospettato una incursione hacker sui server del servizio.

L'azienda ha tenuto a sottolineare che loro non hanno sofferto alcun attacco hacker e che dei 5000 ticket d'assistenza aperti in quel periodo per sospetti usi fraudolenti di Teamviewer, solo 1000 sono stati identificati come effettivi attacchi esterni, ma sempre portati a termine usando password e username legittimi rubati altrove (qualcuno ha pensato "Yahoo"?).

In ogni caso, Teamviewer ha implementato già da tempo la possibilità di usare l'autenticazione a due fattori, tramite l'Authenticator di Google, e ha aggiunto anche alcune interessanti funzioni a questa versione 12 che dovrebbe rendere più difficile la vita a chi volesse usarla come vettore d'attacco.

Innanzitutto, è stata creata una console che tiene traccia di tutte le connessioni effettuate sui singoli computer, con specificati gli indirizzi IP e gli identificativi delle macchine coinvolte.

Screenshot 2016 11 12 23 49 28
La console che tiene traccia delle connessioni non si può disabilitare da client, ma solo dal pannello di gestione centrale.

Inoltre, è stata anche implementata una funzione di whitelisting (opzionale) grazie alla quale i computer accetteranno connessioni solo provenienti dagli ID Teamviewer specificati.

La versione 12 di Teamviewer è attualmente in fase beta, ma è liberamente scaricabile e dopo tre giorni di utilizzo sembra anche perfettamente stabile. Il rilascio ufficiale della nuova versione è previsto entro due settimane, con il solito sistema di licenze che prevede anche una opzione Free per uso personale.

 

AREE TEMATICHE
Vuoi ricevere aggiornamenti su #Software?
Iscriviti alla newsletter!