Hot topics:
News su SMAU 2017
5 minuti

Tesla Model 3 in consegna, che botta gli optional!

I primi 30 esemplari di Tesla Model 3 sono stati consegnati, ma "l'elettrica popolare", non è così popolare: la versione standard con 350 km di autonomia costa 35mila dollari, ma ne servono 44mila per la Long Range da 500 km e 60mila per quella full optional con Autopilot 2.0.

Tesla Model 3 in consegna, che botta gli optional!

Come sappiamo, qualche giorno fa sono state consegnate le prime 30 unità di Tesla Model 3 ai clienti che avevano effettuato la prenotazione. Nell'occasione del party di consegna, il patron ElonMusk ha rivelato gli ultimi dettagli relativi alla tanto attesa auto elettrica "popolare", com'è stata definita dai media, a quanto pare erroneamente.

Sicuramente 35mila dollari, il prezzo di partenza della versione standard, è molto più basso rispetto ai 69500 dollari necessari per acquistare la Model S o agli 82500 dollari richiesti per la Model X, tuttavia è un prezzo ancora importante, destinato a crescere di molto aggiungendo optional e Autopilot.

Model 3 Profile Grey New

Chi infatti vuole una Model 3 completamente accessoriata e dotata della versione più avanzata di Autopilot deve mettere in preventivo non meno di 60mila dollari, prezzo che in Italia sarà ulteriormente gonfiato, visto il rapporto attuale tra i prezzi USA e quelli del Bel Paese (i 69500 dollari della Model S base infatti da noi si traducono in ben 83100 euro).

La variante Standard ha una lunga lista di accessori: schermo touch da 15 pollici, climatizzazione bizona, sistema di apertura keyless, bluetooth e comandi vocali, navigatore completo di mappe, connettività WiFi e LTE, sedile posteriore ribaltabile 60/40, freno di stazionamento elettronico, 8 airbarg, sistema di frenata di emergenza, controllo di stabilità e trazione e sistema di monitoraggio della pressione dei pneumatici.

Leggi anche: Tesla Model 3, in arrivo a fine mese l'autonoma "economica"

Sulla Long Range invece per avere la vernice metallizzata occorrerà aggiungere 1000 dollari, 1500 per i cerchi da 19 pollici e altri 5000 per il pacchetto premium che prevede, oltre ad interni con materiali pregiati, sedili riscaldabili, sistema audio migliore, tetto in vetro con protezione anti UVA e infrarossi, sistema di illuminazione full LED e sedili regolabili elettricamente.

Model 3 Blue Driving

Totalmente a pagamento (5000 dollari) sarà anche l'Autopilot, il sistema avanzato di assistenza alla guida, disponibile nella versione 2.0, quella con l'hardware più aggiornato, che comprende sette telecamere, radar frontale e dodici sensori ad ultrasuoni che consentono il rilevamento di diversi tipi di oggetti di consistenza diversa, il tutto elaborato da un nuovo computer di bordo con una capacita di calcolo più di 40 volte superiore rispetto alla generazione precedente. 

Leggi anche: Tesla, Autopilot 2.0 sarà ancora più preciso ed affidabile

Se poi si volesse desiderare la versione completamente autonoma si dovrà essere disposti ad aggiungere ulteriori 3000 dollari, tenendo però presente che tali funzioni saranno abilitate tramite aggiornamento software solo quando i regolamenti lo permetteranno. Per avere una "vera" Model 3 bisognerà mettere mano al portafoglio ben oltre i 35mila dollari iniziali.

Alla luce di tutto ciò si comprende dunque che l'era delle auto elettriche davvero "popolari" ancora non sia iniziata, per lo meno non è il caso della Model 3.

Leggi anche: Le nuove Tesla totalmente autonome con un update software

Vediamo dunque cosa è emerso durante l'evento dell'altro giorno. Le varianti di Tesla Model 3 ordinabili saranno due: standard e Long Range. La prima avrà un'autonomia con una singola ricarica pari a circa 354 km secondo lo standard EPA (Environmental Protection Agency), un'accelerazione da 0 a 100 km/h in 5,6 secondi e una velocità massima di 210 km/h.

Model 3 Mountain   Pearl

La Long Range invece avrà un'autonomia di 500 km, e prestazioni superiori, con accelerazione da 0 a 100 km/h in 5,1 secondi e una velocità di punta di 225 km/h. Entrambe le varianti saranno a motore singolo e a trazione posteriore; la Model 3 con doppio motore arriverà più avanti. Come sappiamo poi uno dei punti di forza di Tesla è aver predisposto per i propri clienti un'intera infrastruttura di ricarica, inizialmente disponibile per i possessori di Model S in modo del tutto gratuito, ma che in seguito richiederà una sorta di abbonamento, dal prezzo non ancora stabilito.

La rete Supercharger, in crescita costante anche in Italia, è in grado di ripristinare la ricarica della vettura in tempi relativamente contenuti, si parla infatti di 30 minuti per un'autonomia di 210 km per la versione standard e di 273 km, sempre in 30 minuti, per la Long Range, o 60 km in un'ora da una presa domestica (presa da 240V e 40A).

Per quanto riguarda gli interni l'azienda ha indubbiamente puntato molto sull'effetto "wow", grazie alla plancia totalmente priva di tasti fisici e al volante a tre razze. Bisognerà vederla dal vivo per esprimere un giudizio definitivo, ma il maxi schermo da 15 pollici piazzato centralmente appare decisamente poco integrato all'interno dell'abitacolo, così come non convince molto la finitura in legno che attraversa tutta la plancia. In generale la qualità percepita non sembra essere all'altezza della concorrenza, soprattutto tedesca.

Model 3 Interior Dashboard   Head On

Decisamente migliore invece il giudizio su abitabilità e capacità di trasporto. Grazie infatti alla particolare disposizione di batterie e powertrain, la Model 3 può contare su un bagagliaio posteriore da 424 litri e su uno spazio anteriore in grado di ospitare un trolley. Lunga 4693,92 mm, la Model 3 è larga 1849,12 mm, alta 1442,72 e con un interasse di 2875,28 mm, con un peso di 1610 kg che sale a 1730 per la Long Range. Ottimo il CX, pari a 0,23.

Quanti hanno prenotato la vettura lo scorso anno potranno riceverla (in Italia) a fine 2018. Si parla invece di 2019 per chi ordina la Model 3 oggi.


Tom's Consiglia

Forse non potrete testare le capacità in accelerazione delle prossime Tesla, ma col set di guida ThrustMaster T80 RW per PS4 le prestazioni sono assicurate.

AREE TEMATICHE
Vuoi ricevere aggiornamenti su #Auto e Moto?
Iscriviti alla newsletter!