Tesla Roadster, l'auto di serie più veloce al mondo?

A guardarla sembra di poter sentire il celebre motivetto elettronico che costituiva la sigla di Supercar e accompagnava l'ingresso in scena della Pontiac Firebird Trans Am. Ma qui non siamo negli anni '80 e soprattutto non stiamo parlando di un'auto a benzina, ma della nuova generazione della Tesla Roadster che, dai numeri dichiarati durante la presentazione, si avvia ad essere l'auto di serie più veloce - o quantomeno una delle più veloci - mai realizzate.

Elon Musk l'ha descritta come un KO per il mondo delle auto che usano ancora carburante fossile e a guardare i numeri snocciolati, tutti da confermare nella realtà ovviamente, ne ha ben donde. Parliamo infatti di un'auto in grado di raggiungere i 100 Km/h in 1,9 secondi (nessuna auto di serie è mai scesa sotto i 2 secondi), i 160 Km/h in 4,2 secondi e coprire il famoso quarto di miglio (circa 400 metri) di Fast & Furious in 8,9 secondi.

Roadster Front 58

‎"Sarà più veloce di quel jet laggiù," ha scherzato Musk indicando un aereo che in quel momento sorvolava il luogo in cui stava avvenendo la presentazione. E la velocità massima? Musk non ha voluto dare indicazioni precise, limitandosi a un generico "oltre i 400 Km/h". Teniamo presente che la Koenigsegg Agera RS ha raggiunto i 457 Km/h, scalzando pochi giorni fa il precedente record detenuto dalla Bugatti Chiron con 444 Km/h.

Ma non è tutto: la Roadster, che ha tre motori elettrici, uno centrale e due posteriori e trazione integrale, è equipaggiata con una batteria da 200 kWh che, sempre secondo Musk, dovrebbe regalarle un'autonomia di quasi 1000 Km (già, ma a che velocità di crociera?).

untitled
Ovviamente, come le prestazioni, anche il prezzo non è alla portata di tutti, benché francamente sia anche di molto inferiore a quello di tante hypercar a benzina: parliamo infatti di un costo a partire da 200mila dollari. La Tesla Roadster comunque arriverà solo nel 2020, ma se la volete potete depositare 50mila dollari subito e sarà vostra.

Assieme alla Roadster però c'è stato un altro debutto assai atteso, quello del camion Semi, il primo completamente elettrico e, secondo Tesla, con capacità di guida autonoma.

Semi Front Profile 0

Se le linee della Roadster sono assai gradevoli, quelle del Mini sono futuristiche. Il camion infatti si presenta con forme decisamente aerodinamiche e un'inedita posizione di guida centrale.

Leggi anche: Daimler brucia Tesla e annuncia il primo camion elettrico

Dotato di quattro motori, Semi arriverà nel 2019 e dovrebbe consentire di accelerare da 0 a 100 Km/h in 5 secondi o in 20 se consideriamo il pieno carico (36 tonnellate), garantendo inoltre un'autonomia di circa 800 Km con una sola carica della batteria, ovviamente a velocità autostradali e a pieno carico, senza contare che in futuro, sempre secondo il CEO di Tesla, Semi dovrebbe essere dotato anche di pannelli fotovoltaici che dovrebbero incrementarne ulteriormente l'autonomia.

Semi Interior Overview

Attualmente l'azienda di Elon Musk è in perdita, ma sembra avere ancora una forza progettuale e innovativa notevole. Basterà mantenere le incredibili promesse fatte da questi due veicoli per rilanciare l'azienda nei prossimi anni?


Tom's Consiglia

Questo camion non è elettrico, non ha la guida semiautonoma e non stabilisce alcun record, ma siamo sicuri che potrebbe fare felice vostro figlio o vostro nipote.

Pubblicità

AREE TEMATICHE