Hot topics:
22 minuti

Abbiamo provato il Dell SE2717H, un monitor da 27 pollici IPS con refresh rate a 75 Hz e FreeSync caratterizzato da un buon prezzo.

Test Dell SE2717H, monitor IPS da 27 pollici con FreeSync

Configurazione OSD e calibrazione

Due pressioni del terzo tasto faranno apparire a schermo l'intero OSD. Potete accedere ad altre funzioni del monitor tramite i primi due pulsanti. Questa caratteristica è configurabile dall'utente. Diamo un'occhiata al menù dell'SE2717H.

La prima schermata ha solo i cursori della luminosità e del contrasto. Quest'ultimo è correttamente impostato a 75 e dovrebbe essere lasciato così com'è. La luminosità percorre una scala di 100 passi che porta l'uscita da 40 a 290 cd/m2.

L'opzione Auto Adjust è per i segnali analogici che arrivano dalla porta VGA. Qui potete impostare i tempi per garantire un'immagine pulita. È disattivata mentre si usa l'HDMI.

Il selettore degli ingressi video è minimale, perché deve gestire solo due entrate. Con l'opzione Selezione Automatica attivata, l'SE2717H trova velocemente il primo segnale attivo all'avvio.

Il menù Colore offre dieci opzioni d'immagine, con Standard che è quella predefinita. È abbastanza accurato senza calibrazione, quindi Dell ha rinunciato alla ridondante modalità sRGB. Le altre impostazioni alterano la temperatura del colore e la gamma per varie funzioni. Dato che giocare agli FPS è l'uso più probabile di questo schermo, vi mostreremo le sue misurazioni nei test di pagina 4.

Per effettuare una calibrazione della scala dei grigi, scegliete l'opzione Custom Color. Vi sarà presentato un preciso insieme di cursori RGB, che all'inizio sono impostati al massimo. Inizialmente abbiamo accusato la mancanza di un controllo della gamma, ma come vedrete più avanti, non è assolutamente necessario.

Nella nostra modalità Custom, il menù Display offre solo qualche opzione base. Potete cambiare l'aspect ratio, regolare la nitidezza (lasciatela a 50 per i migliori risultati) e scegliere un'impostazione di overdrive. L'impostazione Super Veloce causa del ghosting, che è più visibile nei test che nel contenuto reale. Ed effetivamente riduce il motion blur. L'unica opzione di risparmio energetico permette di spegnere il LED di accensione.

Il monitor offre varie lingue, cinque livelli di trasparenza, fino a sessanta secondi di timeout e una funzione di blocco che impedisce la manomissione, volontaria o meno.

I primi due tasti possono essere dedicati a una delle cinque funzioni del menù Personalizza. Ci sono piaciuti i livelli preimpostati di luminosità/contrasto e le modalità di immagine.

Gli altri tasti hanno le ultime due opzioni: DDC/CI - che dovrebbe essere lasciato attivo - e LCD Conditioning, che non è assolutamente necessario, dato che i moderni pannelli non soffrono degli effetti del burn-in.

L'unica nostra lamentela nei confronti dell'OSD in generale è la mancanza di una qualsiasi informazione sul FreeSync. Non saprete se è attivo, a meno che non controlliate dal pannello di controllo di AMD. Inoltre il refresh rate riporta "massimo 60 Hz", il che non è vero. Abbiamo verificato, e il monitor ha funzionato perfettamente a 75 Hz durante tutti i nostri test.

Calibrazione

Impostazioni calibrazione Dell SE2717H
Modalità Custom Color
Luminosità 200cd/m2 70
Luminosità 120cd/m2 34
Luminosità 100cd/m2 26
Luminosità 80cd/m2 17
Luminosità 50cd/m2 5
Contrasto 75
Color Temp Rosso 100, Verde 97, Blu 97

L'SE2717H sembra decisamente buono in modalità Standard e si avvicina molto alle nostre aspettative sul colore, sulla gamma e sulla scala di grigi. Abbiamo rilevato colori sRGB ben saturi, una scala di grigi D65 e un quasi perfetto tracciato della gamma di 2,2 prima di fare qualsiasi calibrazione. Selezionare Colore Personalizzato e modificare i cursori RGB aumenta un po' l'accuratezza, ma il risultato è solo leggermente diverso dall'immagine standard. Qui potete trovare le nostre impostazioni consigliate e i valori di luminosità per i più comuni livelli di uscita.

Pagina precedente

Luminosità e contrasto

Non calibrato - livello di retroilluminazione massimo

La maggior parte dei monitor da gioco della stessa fascia di prezzo dell'SE2717H hanno uno schermo Full HD da 24 pollici e supportano il FreeSync. I monitor presi in considerazione per questa recensione sono il ViewSonic XG2401, l'AOC G2460PF e il G2770PF, l'Asus VG245H e l'Asus MG278Q. Quest'ultimo offre una risoluzione Quad HD ed ha un prezzo maggiore.

test 01
test 02
test 03

L'uscita massima non è un gran problema per i monitor da gioco a meno che non integrino la tecnologia ULMB. Con l'effetto stroboscopico per la retroilluminazione, il motion blur viene ridotto ma allo stesso tempo la luminosità ed il contrasto calano. Gli schermi con il FreeSync come l'SE2717H non hanno questo problema, quindi riteniamo che 290 cd/m2 sia una luminosità più che sufficiente a meno che non vogliate giocare vicino ad una finestra esposta al sole. Il ViewSonic, che si classifica primo, è abbastanza luminoso da essere usato all'aperto.

I livelli di nero sono abbastanza vicini tra i sei schermi, con il Dell che finisce secondo a causa della retroilluminazione. Il contrasto è appena sotto la soglia di 1000:1, che non è molto distante dai migliori, a eccezione dell'XG2401, che eccelle fra i monitor TN con un contrasto di oltre 1200:1. L'SE2717H si piazza abbastanza bene e fornisce un'immagine dettagliata e nitida con buona profondità.

Non calibrato - livello di retroilluminazione minimo

test 04
test 05
test 06

Impostare la retroilluminazione a zero porta il livello di uscita minimo a 40,9096 cd/m2. È un po' bassa per una sessione di gioco in una stanza buia, quindi vi suggeriamo di alzare la luminosità a 5 per avere un po' più di luce. Con un risultato del livello di nero nella media, il contrasto dell'SE2717H rimane costante a 932,1:1, quasi identico al valore massimo. Anche se ci piacerebbe sempre vedere più contrasto da qualsiasi monitor, è particolarmente utile in giochi in cui bisogna trovare dei dettagli in zone molto illuminate o molto scure. Stiamo ancora aspettando una maggiore diffusione dei pannelli VA. Rimane la nostra tecnologia preferita per l'enorme gamma dinamica.

Dopo la calibrazione a 200 cd/m2

test 07
test 08

La calibrazione riduce un po' il contrasto, ma l'SE2717H mantiene una posizione a metà gruppo. A eccezione dell'XG2401, vedrete una differenza minima mettendo uno di fianco all'altro questi schermi. Siamo contenti di vedere che Dell ha impostato il cursore del contrasto correttamente, di conseguenza non sono richiesti compromessi per raggiungere la massima accuratezza nei colori e nella gamma.

Rapporto di contrasto ANSI

test 09

Il contrasto ANSI è solo leggermente minore del valore sequenziale, il che fa ben sperare per la qualità del pannello ed indica una certa cura nel processo di produzione. Mantenere la griglia del polarizzatore perfettamente piatta è la chiave per ottenere il contrasto più alto possibile. Il nostro SE2717H ha anche un'ottima uniformità dello schermo, il che accresce il risultato di questo test.

Scala di grigi, gamma e colore

Scala di grigi

test 10
test 11
test 12

L'SE2717H offre 10 modalità d'immagine, ognuna con un comportamento della scala di grigi leggermente diverso. Agli utenti che vogliono la miglior accuratezza possibile senza calibrazione consigliamo la modalità Standard, che è quella predefinita. Abbiamo visto una tinta verde solo al 90% e 100% di luminosità, ma per il resto non c'è un errore visibile. I giocatori potrebbero essere tentati di provare la modalità FPS Game, ma non crediamo che il livello di bianco sia ideale. Gli errori legati alle tinte verdi e rossa crescono parallelamente alla luminosità e vedrete questo problema dal 50% in poi.

Se avete l'attrezzatura per la calibrazione, o volete provare le nostre impostazioni, scegliete "Custom Color" per accedere ai controlli RGB. Servono poche modifiche per ottenere il massimo potenziale dall'SE2717H. Ora gli errori sono estremamente bassi e siamo passati da una situazione ottima a una eccellente per quanto concerne la scala di grigi.

Confronti

test 13
test 14

L'SE2717H diventa l'ultimo monitor nella nostra lista di schermi a non richiedere calibrazione. Il suo secondo posto nei test sia prima che dopo la calibrazione è un vantaggio per il rapporto prezzo/prestazioni. Non è troppo difficile trovare monitor da gioco che possono competere nel test della scala di grigi con i monitor professionali, ma a un prezzo così basso una tale accuratezza è più rara.

Risposta gamma

gamma 1
gamma 2
gamma 3

Il punto di forza dell'SE2717H è la gamma. Senza alcuna correzione, il tracciato è quasi invisibile, dato che segue quasi perfettamente il valore di 2,2. Ciò significa che nessun dettaglio è nascosto e il tracciato del colore, sia nel test della saturazione che della luminanza, risulterà molto preciso. Ciò aumenta anche il contrasto percepito. Ancora una volta il Dell supera in prestazioni i monitor della sua fascia di prezzo.

La modalità FPS Game presenta un risultato della gamma distorto perché implica l'opzione di contrasto dinamico. Questa particolare impostazione è disattivata nelle modalità "Custom" e "Standard". Suggeriamo di evitarla per due motivi: innanzitutto, ridurrà i dettagli nelle aree più illuminate o scure, rendendo il gameplay più difficile. In secondo luogo, vedrete la luminosità dell'immagine cambiare col contenuto.

Confronti

test 15
test 16

Un intervallo di valori della gamma di solo 0,19 è tra i più bassi nel nostro database. Dà del filo da torcere anche ai monitor più accurati che abbiamo recensito. Solo pochi schermi hanno restituito una media perfetta di 2,2 nei nostri test. La prestazione è eccellente.

Color gamut e luminanza

test 17
test 18

La modalità "Standard" ci dà una buona visione del color gamut dell'SE2717H. Il blu è leggermente sottosaturato, a prescindere dalla modalità scelta. Il rosso risulta sbagliato in un paio di punti, vicino al centro del triangolo. Questi sono ad ogni modo dei difetti di secondo piano. La luminanza colore è esattamente al punto neutrale. Gli errori risultanti sono per lo più impossibili da vedere a occhio nudo.

test 19
test 20

Per testare la modalità FPS Game, abbiamo dovuto disattivare il contrasto dinamico, così da far assomigliare il grafico della saturazione a quello della modalità Standard. Tuttavia la luminanza è un bel po' più alta, il che dà ai colori un aspetto surreale. Questa è una ragione in più per rimanere con la modalità Standard o Colore Personalizzato, a prescindere dal tipo di applicazione o gioco.

test 21
test 22

Calibrando la modalità Colore Perosonalizzato abbiamo portato ogni punto di colore al suo obiettivo, ad eccezione del blu al 100%, che è ancora un po' distante dall'obiettivo. Fortunatamente, per compensare il suo livello di luminanza è stato alzato, rendendo l'errore effettivo invisibile. Tutti i valori DeltaE sono ora sotto il 3, a eccezione del verde più luminoso, che supera il limite. Non si possono davvero ottenere risultati molto migliori di questi.

Confronti

test 23
test 24

Ci sono pochi motivi per calibrare l'SE2717H, al fine di migliorare l'accuratezza del colore. Nella modalità Standard, abbiamo rilevato un dE di 2,14 prima della calibrazione e 1,50 dopo. È un cambiameto impercettibile, ma crediamo sia giusto cercare di ottenere il massimo da ogni monitor che recensiamo. Dell offre un prodotto di alta qualità a un prezzo estremamente competitivo.

Il gamut volume sRGB è appena sotto il 100% a causa della sottosaturazione nel blu primario. Se riguardiamo il grafico CIE, vedrete che anche il ciano e il verde sono un po' sotto il livello necessario. Siamo però molto pignoli in questo caso, e nessuno di questi difetti avrà alcun impatto sulla qualità d'immagine in gaming, video o produttività. Gli utenti che hanno bisogno un monitor accurato potranno usare un profilo ICC con questo SE2717H.

Continua a pagina 4
AREE TEMATICHE
Vuoi ricevere aggiornamenti su #Monitor?
Iscriviti alla newsletter!