Alimentazione e layout della scheda

Gigabyte ha scelto un approccio decisamente diverso dalla scheda di riferimento AMD. Purtroppo questo significa che la maggior parte dei waterblock full cover è incompatibile. Anche il Morpheus di Raijintek.

Gigabyte ha implementato sei fasi con raddoppiamento, per un totale di 12 convertitori di tensione per la VDDC e una fase per la memoria (MVDD), come AMD, ma il modo in cui questi elementi sono orientati porta ad avere problemi con i sistemi di raffreddamento di terze parti. Le sorgenti delle altre tensioni ausiliarie sono visibili nell'immagine qui sotto.

gigabyte rx vega 56 gaming oc 8g layout 01
Clicca per ingrandire

Osservando il retro della scheda vediamo che metà dei MOSFET low-side usati maggiormente è stata spostata lì. Perciò si può dedurre che circa il 30% di tutte le perdite del convertitore di tensione - e il calore derivante - avvengono nel retro della scheda. Naturalmente non è sufficiente dissipare calore dalla parte frontale della scheda. Il raffreddamento deve avvenire su entrambi i lati.

gigabyte rx vega 56 gaming oc 8g layout 02
Clicca per ingrandire

Gigabyte si affida a un totale di due connettori ausiliari a 8 pin per dare una mano allo slot PCIe nell'alimentazione della scheda. Secondo le nostre misure, quello slot garantisce un massimo di circa 25W, quindi i due connettori si occupano del resto.

Alimentazione GPU (VDDC)

Come per il progetto di riferimento di AMD, il focus è sull'IR35217 di International Rectifier, un controller multi-fase a doppia uscita che permette di avere sei fasi per la GPU e una fase aggiuntiva per la memoria. Ci sono però 12 circuiti di regolazione, non sei. Questo è il risultato del raddoppiamento, che permette al carico di ogni fase di essere distribuito tra i due circuiti di regolazione.

gigabyte rx vega 56 gaming oc 8g layout 03
gigabyte rx vega 56 gaming oc 8g layout 04

Sei driver MOSFET interleaved IR3598, tre sulla parte frontale e tre sul retro, sono responsabili di questo raddoppiamento. L'effettiva conversione di tensione per ognuno dei 12 circuiti di regolazione è gestita da un Alpha & Omega Semiconductor AON6594 sull'high side e due AON6360 in parallelo sul low side. Si tratta di componenti a basso costo ma accettabili, specie perché la disposizione parallela significa anche che i punti termici caldi sono distribuiti in modo più uniforme.

gigabyte rx vega 56 gaming oc 8g layout 05
gigabyte rx vega 56 gaming oc 8g layout 06

Gigabyte si affida a induttori Magic per VDCC e MVDD. Con solo 10nH per la VDCC, tuttavia, questi induttori sono piuttosto piccoli. Gli induttori dell'unica fase MVDD sono più nella media con un'induttanza di 22nH. Tuttavia, in altre schede, abbiamo visto soluzioni da 33 nH.

gigabyte rx vega 56 gaming oc 8g layout 07
gigabyte rx vega 56 gaming oc 8g layout 08

Alimentazione memoria (MVDD)

Come già detto, anche l'alimentazione della memoria è controllata da un IR35217. Una fase è più che sufficiente per questa scheda, in quanto la memoria HBM2 è meno esigente. Come per la VDDC, troviamo un AON6594 sull'high side e due AON6360 in parallelo sul low side.

gigabyte rx vega 56 gaming oc 8g layout 09
gigabyte rx vega 56 gaming oc 8g layout 10

Convertitori di tensione aggiuntivi

Creare la VDDCI non è un'operazione molto difficile, ma è importante perché regola la transizione tra i livelli di segnale interni alla GPU e la memoria. È essenzialmente la tensione del bus I/O tra GPU e memoria. Come tale, sono fornite due sorgenti costanti di 1,8V e 0,9V.

gigabyte rx vega 56 gaming oc 8g layout 11
gigabyte rx vega 56 gaming oc 8g layout 12

Sotto la GPU, c'è un regolatore lineare a bassa caduta Anpec APL5620 che restituisce una tensione molto bassa per l'area phase locked loop (PLL).

gigabyte rx vega 56 gaming oc 8g layout 13
gigabyte rx vega 56 gaming oc 8g layout 14

Tutto il resto è standard. A colpire è la presenza di un solo chip BIOS.

gigabyte rx vega 56 gaming oc 8g layout 15
gigabyte rx vega 56 gaming oc 8g layout 16

Un induttore con core in ferrite da 68nH aiuta a bloccare i picchi e qualsiasi potenziale sottoprodotto dell'erogazione di energia.

Pagina precedente

Prestazioni di gioco

Abbiamo la sensazione che gli ingegneri di Nvidia avessero per le mani un paio di Radeon RX Vega 56 di terze parti quando hanno annunciato la GTX 1070 Ti. O almeno che avessero qualche informazione dall'interno. Certo, la GTX 1070 Ti non doveva essere troppo veloce per evitare di cannibalizzare la GTX 1080 Ti, ma la scheda di Nvidia si scontra bene con le varie Vega 56 overcloccate di fabbrica.

2560x1440 (QHD)

Partiamo dai test a 2560x1440, dove la scheda dovrebbe eccellere.

test game 01
test game 02
test game 03
test game 04

La RX Vega 56 Gaming OC 8G raggiunge una frequenza di 9 / 11% più alta della scheda di riferimento di AMD, il che le permette di ottenere un frame rate il 6 / 8% migliore. Uno scaling di tutto rispetto.

test game 05
test game 06
test game 07
test game 08
test game 09

3840x2160 (UHD)

test game 10
test game 11
test game 12
test game 13
test game 14
test game 15
test game 16
test game 17
test game 18

Il quadro generale non cambia molto a 3840x2160, anche se non c'è molta differenza tra la scheda di Gigabyte e il progetto di riferimento AMD. Nessuna GPU è ideale per giocare in 4K con dettagli al massimo. Per avere un gameplay più fluido è necessario fare dei compromessi.

Sommario

A volte la RX Vega 56 Gaming OC 8G è leggermente più veloce di una GTX 1070 Ti e altre volte è il contrario. In generale è difficile distinguerle. La differenza è che la scheda Nvidia è in vendita, quella di Gigabyte no. La RX Vega 56 overcloccata comunque non delude.

MSI GeForce GTX 1070 Ti Armor MSI GeForce GTX 1070 Ti Armor
   
MSI GeForce GTX 1070 Ti Aero MSI GeForce GTX 1070 Ti Aero
   
ASUS GeForce GTX 1070 Ti Turbo ASUS GeForce GTX 1070 Ti Turbo
   
GIGABYTE GeForce GTX 1070 Ti Gaming GIGABYTE GeForce GTX 1070 Ti Gaming
   

Consumi

Abbiamo misurato circa 264W durante il nostro loop gaming usando il profilo energetico bilanciato nei driver. È molto di più del design di riferimento, che necessitava di circa 223W usando il BIOS di default. La proposta di Gigabyte supera persino i 260W della scheda di riferimento con profilo Turbo.

Con il profilo Turbo e un power limit del 50% la scheda di Gigabyte arriva a 325W, un punto in cui il sistema di raffreddamento è quasi completamente sopraffatto. Di conseguenza abbiamo deciso di non spingerci oltre con un nostro OC e siamo rimasti al profilo bilanciato per i test.

consumi 01

Le tensioni registrate durante il nostro loop gaming e lo stress test alle impostazioni di Gigabyte sono tracciate nei seguenti grafici:

consumi 02

Carico sullo slot della motherboard

Con un picco di 2,1A nel nostro stress test, la Gigabyte RX Vega 56 Gaming OC 8G finisce nettamente sotto il tetto di 5,5A definito dal PCI-SIG per il canale 12V della motherboard. Un valore di 1,6A durante il test con i giochi è ancora più conservativo. In generale il bilanciamento è ben implementato e lo slot della motherboard non sperimenta mai seri carichi.

consumi 03

Consumo nel dettaglio

I grafici sotto mostrano in modo dettagliato i consumi e le letture al fine di illustrare le nostre scoperte. Naturalmente i picchi nel consumo sono più alti durante il gaming, ma valori fino a 312W sono ancora accettabili, dato che sono troppo brevi per causare un problema.

consumi 04

Lo stesso vale per le misure di corrente corrispondenti:

consumi 05

Durante lo stress test, i picchi nel breve termine sono molto meno pronunciati - anche se il consumo è leggermente più alto nel gaming.

consumi 06

Di nuovo, le letture di corrente seguono il grafico con molta precisione e non mostrano anomalie.

consumi 07
Continua a pagina 4

Pubblicità

AREE TEMATICHE