Hot topics:
News su SMAU 2017
21 minuti

Test monitor Acer XR382CQK

Abbiamo testato l'XR382CQK, un monitor curvo di grandi dimensioni di Acer. Ha un pannello IPS, offre tecnologia FreeSync fino a 75 Hz e molto altro.

Test monitor Acer XR382CQK

Acer pensa in grande

Ormai abbiamo visto abbastanza monitor curvi ultrawide da poter affermare che non sono una moda passeggera, ma una vera e propria categoria. I giocatori li hanno ben accolti in alternativa alle costose postazioni multi-monitor che necessitano di molto spazio e di schede video di una certa caratura. E non dimentichiamoci delle cornici tra uno schermo e l'altro: anche con i bordi sottili a cui siamo abituati oggi è impossibile non vedere quelle linee verticali.

Oggi analizzeremo l'ultimo monitor ultrawide di Acer, l'XR328CQK. La risoluzione di 3840x1600 pixel lo rende interessante per chi vuole qualcosa in più del Quad HD ma non vuole essere limitato dai 60 Hz dell'Ultra HD. Nonostante questa situazione sia destinata a cambiare, al momento non ci sono monitor con più pixel e con alto refresh rate. Questo ha un pannello FreeSync con refresh rate massimo di 75 Hz, il tutto incastonato in un'altissima qualità costruttiva.

acer XR382CQK 01

Specifiche

BenQ PD3200U
Pannello e retroilluminazione IPS, W-Led, Edge Array
Dimensione e formato 38 pollici, 21:9
Risoluzione massima e refresh rate 3840x1600 pixel, @75Hz
FreeSync 48-75Hz
Profondità di colore e gamut 10-bit (8-bit+FRC), sRGB
Tempo di risposta (GTG)  5 ms
Luminosità 300 cd/m2
Altoparlanti 2x7W, DTS
Ingressi video 1 x DisplayPort 1.2 in, 1 x DisplayPort 1.2 out, 1 x HDMI 2.0, 1 x HDMI 2.1 (MHL)
Audio uscita stereo da 3,5 mm
USB 1 x USB C Up, 4 x USB 3.0 Down
Consumi 46 watt
Dimensioni del pannello con la base 897 x 452-579 x 305mm
Spessore del pannello 94mm
Larghezza delle cornici 11 mm ai lati/sopra, 22 mm sotto
Peso 10,7 chilogrammi
Garanzia 3 anni

Il mercato dei monitor curvi ultrawide è più ampio di quanto si pensi: le diagonali vanno da 32 a 38 pollici e la risoluzione parte da 2560x1080p, per arrivare fino a 3840x1600p, quella che vediamo oggi. Il numero di pixel in questo caso è a metà strada tra un QHD ed un UHD, perciò richiede più potenza per illuminare i pixel in più, ma allo stesso tempo non costringe all'acquisto di una scheda video di fascia altissima.

acer XR382CQK 02

L'XR382CQK ha una leggera curvatura con raggio di 2300 mm, che crea un bell'effetto di immersione, senza distorsioni di immagine. Grazie a un'enorme larghezza dello schermo, potrete sedervi distanti e comunque riuscire a occupare tutta la visione periferica. Qualsiasi cosa facciate con questo monitor, sarà un'esperienza totalmente diversa da quella che avreste con un 16:9 piatto. E i pixel in più lo distinguono dal resto dei monitor curvi ultrawide.

acer XR382CQK 03

Questa non è la prima volta che proviamo uno schermo di queste dimensioni. Qualche mese fa abbiamo testato l'LG 38UC99, che ha specifiche molto simili. Infatti il pannello è lo stesso, ma Acer ha abbassato il limite minimo del range del FreeSync da 52 Hz a 48 Hz. Sta ai nostri test decidere quale sia il migliore. Diamogli un'occhiata.

Il prodotto e gli accessori

acer XR382CQK 05

L'XR328CQK ha dimensioni simili a quelle di una piccola HDTV e per via della curvatura arriva in un'enorme confezione con molto polistirolo per proteggere il pannello. È già totalmente assemblato, ma chi volesse usarlo con un altro sistema di montaggio può svitare il montante. A questo scopo è incluso un adattatore. La maggior parte degli utenti aprirà semplicemente il monitor e lo avvierà per usarlo. Per alimentarlo Acer ha incluso un grosso alimentatore esterno, due cavi DisplayPort e un USB C.

acer XR382CQK 04

Spesso ben 7 centimetri, l'XR382CQK richiede un ampio spazio sulla scrivania. Ad ogni modo, la base è relativamente minuta. È fatta di alluminio, con una finitura satinata. Termina con un'utile maniglia, che rende molto più facile e sicuro spostare il monitor. Permette ogni tipo di regolazione, con 15 centimetri di altezza, 30 gradi di rotazione in ogni direzione, 35 gradi di inclinazione all'indietro e 5 in avanti. Come per ogni monitor ultra wide, non lo si può ruotare in verticale.

La pellicola antiriflesso è uno strato dalla durezza di 3H, con ottimi risultati contro i riflessi. Apparentemente non ha impatto sulla qualità d'immagine, che è ottima da un lato all'altro del pannello. Una luce soffusa viene dai LED presenti nella cornice inferiore. Potete sceglierne il colore e la luminosità o potete farli cambiari in base alla modalità corrente. Quando il FreeSync è attivo, possono illuminarsi di rosso. Se preferite qualcosa di più appariscente possono essere fatti lampeggiare o pulsare.

I tasti si trovano sul retro, nel lato destro e sono costituiti da un joystick e tre pulsanti, oltre al tasto di accensione. Due pulsanti sono programmabili dall'utente. Il joystick è facile da usare e si preme con fermezza. Una volta presa la mano, navigherete nell'OSD senza problemi.

La vista dai lati e dall'alto mostra la curvatura di 2300mm dell'XR382CQK. È minore rispetto altre soluzioni, ma abbastanza da creare un effetto di immersione senza distorcere le immagini. Il profilo laterale è ovviamente spesso e sentiamo la mancanza di porte USB. Ce ne sono 4 disponibili, ma sono sul retro, di fronte alla parete. Per attivare l'hub, dovrete avere una porta USB C sul vostro PC, da usare con il cavo incluso.

Il monitor ha due casse da 7 Watt che sono predisposte al Digital Surround. Offrono un po' più di volume e profondità rispetto ad altri monitor, ma il massimo lo avrete con un buon paio di cuffie o un impianto audio esterno. Il jack per le cuffie si trova sul pannello degli ingressi, rivolto verso il basso.

acer XR382CQK 06

A questo proposito, è ben fornito: ha una DisplayPort in entrata e una in uscita, una USB C e due entrate HDMI 2.0. Una ha MHL 2.1 ed entrambe supportano l'HDCP 2.2. Questo rende il monitor compatibile con sorgenti a risoluzione Ultra HD, come streaming box e lettori Blu-Ray. L'XR382CQK non supporta invece l'HDR.

Configurazione OSD e calibrazione

Premere qualsiasi tasto sull'XR328CQK farà apparire un piccolo menù rapido. Le prime due voci sono programmabili. Per impostare una modalità d'immagine, premete il primo tasto. Ci sono otto preimpostazioni, ma solo Utente permette di regolare i parametri d'immagine. Infatti, qualsiasi modifica agli altri preset porterà automaticamente il monitor in modalità Utente. Potete salvare le impostazioni in uno dei tre slot di memoria se volete. Premete il joystick per accedere all'OSD completo.

menu1 JPG

Il menù è abbastanza intuitivo, ma noterete subito un paio di mancanze. Ve le mostreremo man mano. La prima sezione è il menù Immagine, che include i cursori di luminosità e contrasto, assieme a un filtro di luce blu con 5 regolazioni, contrasto dinamico, dark boost e la Nitidezza Super. Quest'ultima ha solo un effetto minimo e migliora alcuni dettagli ma va usata con parsimonia per evitare bordi troppo spigolosi. Abbiamo preferito tenere il valore a zero. 

menu2 JPG

Il menù Colore ha tre preimpostazioni per la temperatura del colore, oltre a una modalità Utente che integra una regolazione per il bianco a due punti. È da notare che i cursori partono a metà, il che significa che con la calibrazione non perderete il contrasto. Qualsiasi altro cambiamento ai cursori si è rivelato poco utile e non ha migliorato l'accuratezza dei colori. Ci sono anche delle preimpostazioni per la gamma, che nei nostri test non sono rimaste fedeli al valore di 2.2. Per questo monitor il giusto compromesso è 2.4. Nella seconda schermata troverete i cursori della saturazione e del tono per tutti i sei colori. Non ce n'è bisogno in questo caso; i colori sono ottimi già così.

menu3 JPG
menu4 JPG

Il menù Audio ha solo le opzioni per il volume e per attivare e disattivare il DTS. La profondità di suono aggiunta dal DTS vi sarà utile, perciò lasciatelo attivo.

menu5 JPG

Il menù Gaming ha un overdrive, ma funziona solo in modalità Normale. Con la modalità FreeSync è totalmente oscurato. Non ci è sembrato utilissimo durante le sessioni di gioco, ma chi non ha framerate molto alti potrebbe avere bisogno del motion blur dell'overdrive. A ogni modo è sempre meglio avere un buon framerate che altri escamotage. Anche qui sono presenti dei mirini ottici utili agli amanti degli FPS.

menu6 JPG

Il menù OSD ha le solite impostazioni per lo spegnimento automatico, la trasparenza dell'OSD e le opzioni della lingua, ma troverete anche una quarta voce, chiamata FPS Num. È proprio un contatore di FPS e non sappiamo perché non sia nel menù Gaming. Semplicemente attiva un grosso numero giallo nell'angolo in alto a destra del vostro schermo.

menu7 JPG
menu8 JPG

L'ultimo menù, Sistema, ha il resto delle opzioni dell'XR328CQK, tra cui la versione di DisplayPort, il Daisy Chaining, il rapporto d'aspetto, PIP/PBP e così via. Potete cambiare le impostazioni del LED sotto Luce Ambientale. Le porte USB 3,0 possono essere lasciate cariche anche durante lo stand-by dello schermo per usarle come dispositivo di ricarica. Potete anche far sì che le entrate video riconoscano automaticamente un segnale attivo.

menu9 JPG
menu10 JPG

Per accedere alle informazioni sul segnale e alla funzione di reset, premete il tasto accanto all'icona a forma di "i" sullo schermo. Indicherà se il FreeSync è attivo, ma solo durante una sessione di gioco. E se volete riportare l'XR328CQR alle impostazioni di fabbrica, potete farlo qui.

Calibrazione

La modalità Standard ha una buona accuratezza dei colori, ma abbiamo ottenuto migliori risultati facendo qualche modifica. Prima di tutto, dovrete abbassare un po' il cursore del contrasto, per vedere tutti i dettagli. L'XR328CQK ha del clipping dei dettagli di default.

Nessuna preimpostazione della gamma rimane costante su 2.2, perciò abbiamo optato per 2.4, che ha un buon contrasto nei toni medi, senza far sembrare l'immagine troppo scura. Infine, vi suggeriamo di provare i nostri valori RGB per ottenere il giusto punto del bianco.

Calibrazione Acer XB328CQK
Modalità d'Immagine Utente
Luminosità 200 cd/m2 61
Luminosità 120 cd/m2 30
Luminosità 100 cd/m2 23
Luminosità 80 cd/m2 16
Luminosità 50 cd/m2 5
Contrasto 44
Gamma 2.4
Temperatura Colore Rosso 53, Verde 51, Blu 48
Continua a pagina 2
AREE TEMATICHE
Vuoi ricevere aggiornamenti su #Monitor?
Iscriviti alla newsletter!