Hot topics:
16 minuti

Test Radeon RX 560 4GB

Prova della Radeon RX 560 4 GB, in particolare la Asus ROG Strix RX 560 4GB Gaming OC Edition, scheda video AMD per giocare in Full HD.

Test Radeon RX 560 4GB

Il successore della Radeon RX 460

Asus ROG Strix Radeon RX 560 4GB OC

 

 

Asus ROG Strix Radeon RX 560 4GB OC

Nel lotto delle schede Radeon RX 500 provate ci mancava ancora la Radeon RX 560 4 GB. Sebbene sia uscita lo scorso maggio, la scheda è senz'altro interessate, soprattutto in un periodo in cui altri prodotti sono saliti di prezzo a causa dell'alta richiesta legata al mercato del mining di criptomonete.

La precedente RX 460 si era dimostrata certamente valida e la Radeon RX 560 si basa sulla stessa GPU Polaris 11, con tutte le risorse di shader e texture abilitate, una frequenza maggiore e un prezzo di listino inferiore.

RX 560: più stream processor e frequenze maggiori

Quando la Radeon RX 460 fu presentata, oltre un anno fa, non vedevamo una nuova GPU mainstream AMD da molti anni. Per diverso tempo l'azienda si era limitata a rimpacchettare l'architettura GCN.

Il passaggio al processo produttivo a 14 nanometri FinFET ha portato con sé un rinnovamento dell'architettura grafica, anche se con molti elementi condivisi con le precedenti soluzioni. Con la serie RX 500 AMD ha ulteriormente affinato la prima ondata di soluzioni Polaris per posizionarle meglio rispetto all'offerta Nvidia Pascal.

asus rx 560

Rispetto a Polaris 10, composto da 5,7 miliardi di transistor su un die da 232 mm2, il chip al centro della Radeon RX 560 integra 3 miliardi di transistor in 123 millimetri quadrati di spazio. Come la RX 460, la GPU è basata su architettura GCN di quarta generazione, ritoccata per consumare meno.

Un singolo Graphics Command Processor è ancora responsabile per la trasmissione delle code grafiche agli Shader Engine. Allo stesso modo gli Asynchronous Compute Engine sono incaricati della gestione delle code di calcolo.

baffin

Come con Polaris 10, anche la logica di processo dei comandi di questo chip consiste in quattro ACE, con due unità Hardware Scheduler a stabilire priorità delle code, gestione delle risorse temporali / spaziali e non solo. Anche se molte risorse sono state tagliate o rimosse nel passaggio da Polaris 10 a 11, questa non è una di quelle.

Gli Shader Engine, invece, sono stati dimezzati - Polaris 11 ne ha due, rispetto ai quattro di Polaris 10. Laddove la versione di Polaris 11 della RX 460 aveva sette Compute Unit attive per SE, la Radeon RX 560 ha una GPU non castrata con un totale di 16 CU. Dati i 64 stream processor e le quattro unità texture per CU, il calcolo ci porta a 1024 shader e 64 unità texture sull'intera GPU (+14%).

  AMD Radeon RX 560 Asus ROG Strix RX 560 O4G Gaming Nvidia GeForce GTX 1050 Nvidia GeForce GTX 1050 Ti
GPU Polaris 11/Baffin Polaris 11/Baffin GP107 GP207
Shader 1024 1024 640 768
Base Clock 1175 MHz 1221 MHz 1354 MHz 1290 MHz
Boost Clock 1275 MHz 1326 MHz 1455 MHz 1392 MHz
Memoria 4GB GDDR5 4GB GDDR5 2GB GDDR5 4GB GDDR5
Processo produttivo 14nm 14nm 14nm 14nm
Transistor 3 miliardi 3 miliardi 3,3 miliardi 3,3 miliardi
Texture Unit 64 64 40 48
Texture Fillrate 81.6 GT/s 84.9 GT/s 58.2 GT/s 66.8 GT/s
ROPs 16 16 32 32
Pixel Fillrate 20.4 GPix/s 21.2 GPix/s 46.6 GPix/s 44.5 GPix/s
Bus memoria 128-bit 128-bit 128-bit 128-bit
Freq. memoria 3500 MHz 3500 MHz 3504 MHz 3504 MHz
Bandwidth 112 GB/s 112 GB/s 112.1 GB/s 112.1 GB/s
TDP 80W 80W/100W 75W 75W

Due render back-end per Shader Engine, ognuno con quattro ROPs, portano a un totale di 16 pixel per clock o, di nuovo, metà di quello che avete dalla RX 580/570. Il bus di memoria di Polaris 11 è stato inoltre ridotto della metà a 128 bit. AMD ha provato a compensare un po' con GDDR5 a 7 Gbps, ma anche così avete un bandwidth di solo 112 GB/s. Questa specifica non cambia dalla Radeon RX 460.

AMD ha innalzato la frequenza. L'azienda parla di 1175 MHz di base e 1275 MHz di Boost. Per quanto riguarda la Asus ROG Strix RX 560 O4GB Gaming OC Edition che abbiamo provato si parla di un overclock a 1326 MHz in modalità Gaming.

gpuz

Una cosa interessante è che mentre la Radeon RX 460 aveva un TDP sotto 75W, aprendo la porta a implementazioni senza connettore ausiliare, tutte le schede testate avevano connettori a 6 pin. Per la Radeon RX 560 il TDP è di 80W. Abbiamo già visto versioni senza connettore e frequenze più alte di quelle di riferimento, ma la scheda Asus ha un connettore a 6 pin.

Asus ROG Strix RX 560 4GB Gaming OC Edition

Asus ROG Strix Radeon RX 560 4GB Gaming OC Edition 1
Clicca per ingrandire

Asus usa la stessa copertura in grafite opaca che abbiamo visto sui modelli precedenti.

Asus ROG Strix Radeon RX 560 4GB Gaming OC Edition 2
Clicca per ingrandire
Asus ROG Strix Radeon RX 560 4GB Gaming OC Edition 3
Clicca per ingrandire

Un logo retroilluminato è il dettaglio che cattura di più l'attenzione e potrete controllarne la colorazione tramite software. Ci sono anche un paio di sticker nel bundle di Asus. La scheda è priva di backplate.

Asus ROG Strix Radeon RX 560 4GB Gaming OC Edition 4
Clicca per ingrandire
Asus ROG Strix Radeon RX 560 4GB Gaming OC Edition 5
Clicca per ingrandire

Il connettore di alimentazione a 6 pin si trova sul bordo superiore della scheda.

Asus ROG Strix Radeon RX 560 4GB Gaming OC Edition 6
Clicca per ingrandire

Le alette di raffreddamento della soluzione termica sono orientate verticalmente, il che significa che il calore disperso è diretto verso la vostra scheda madre e fuori dal vostro case. Fortunatamente Polaris 11 non è una GPU particolarmente calda.

 
Asus ROG Strix Radeon RX 560 4GB Gaming OC Edition 7
Clicca per ingrandire

Le uscite includono una DisplayPort 1.4, una HDMI e una DVI. Tutte e tre possono essere usate simultaneamente. La DVI è comoda pensando al target di mercato di questa soluzione.

Componenti e alimentazione

Asus usa un PCB personalizzato con 4+1 fasi di alimentazione. Il progetto sembra poco convenzionale da davanti e da dietro. Il VRM della memoria è nella parte destra alta, sotto il connettore a 6 pin.

Asus ROG Strix Radeon RX 560 4GB Gaming OC Edition 8
Clicca per ingrandire

Sul retro e dietro la GPU di AMD troverete diversi componenti che generano un punto caldo termico importante, visibile nelle nostre immagini all'infrarosso. Il chip BIOS è nelle vicinanze e si scalda un bel po'.

Alimentazione GPU
Controller PWM Digi+ EPU
Realtek
ASP1206
01
VRM M3056M
UBIQ
High-side
1x per fase

M3054M
UBIQ
Low-side
2x per fase

N-channel MOSFETs
02
03
Induttori SAP II
Super Alloy Power
Induttori con core in ferrite
04
Moduli di memoria e alimentazione
Moduli di memoria H5GC8H24MJR-ROC
SK hynix
4x 8Gb 
7 Gb/s
05
Controller PWM uP1540
uPI Semiconductor
Rettificazione sincrona
Convertitore buck
Singola fase
06
VRM M3056M
UBIQ
High-side

M3054M
UBIQ
Low-side

N-channel MOSFETs
07
Induttori SAP II
Super Alloy Power
Induttori con core in ferrite
08
Altri componenti
Controller ventola 8915FN
ITE
Controllo ventola
Monitoraggio
09
BIOS Winbond 25X20
Kynix Semiconductor
EEPROM
BIOS
10
Altre caratteristiche
Altro - 1x connettore ausiliario a 6 pin
- Connessione ventole regolata per ventola case

Configurazione di prova

Abbiamo confrontatola Asus ROG Strix RX 560 O4GB Gaming OC Edition con la Radeon RX 570 e la RX 550, oltre che la precedente RX 460. Per quanto riguarda le schede Nvidia, abbiamo le GTX 1050 Ti, GTX 1050 e GT 1030. Si tratta di schede dei partner, in quanto non esistono modelli di riferimento.

Configurazione ed equipaggiamento
Sistema USA:
- Intel Core i3-6320
- MSI Z270 Gaming Pro Carbon
- G.Skill F4-3200C14Q-32GTZ @ 2133 MT/s (16GB installed)
- 500GB Crucial MX200
- be quiet Dark Power Pro 11, 850W PSU
- Windows 10 Pro

Germania:
- Intel Core i7-6900K @ 4.3 GHz
- MSI X99S Xpower Gaming Titanium
- Corsair Vengeance DDR4-3200
- 1x 1TB Toshiba OCZ RD400 (M.2 SSD, Sistema)
- 2x 960GB Toshiba OCZ TR150
- be quiet! Dark Power Pro 11, 850W PSU
- Windows 10 Pro
Raffreddamento - Alphacool Eisblock XPX
- Alphacool Eiszeit 2000 Chiller
- 2x be quiet! Silent Wings 3 PWM (Closed Case Simulation)
- Thermal Grizzly Kryonaut (Used when Switching Coolers)
Case - Lian Li PC-T70 with Extension Kit and Mods
- Configurations: Open Benchtable, Closed Case
Monitor - Eizo EV3237-BK

Rilevazione consumi
- Contact-free DC Measurement at PCIe Slot (Using a Riser Card)
- Contact-free DC Measurement at External Auxiliary Power Supply Cable
- Direct Voltage Measurement at Power Supply
- 2 x Rohde & Schwarz HMO 3054, 500MHz Digital Multi-Channel Oscilloscope with Storage Function
- 4 x Rohde & Schwarz HZO50 Current Probe (1mA - 30A, 100kHz, DC)
- 4 x Rohde & Schwarz HZ355 (10:1 Probes, 500MHz)
- 1 x Rohde & Schwarz HMC 8012 Digital Multimeter with Storage Function
Rilevazione temperature - 1 x Optris PI640 80Hz Infrared Camera + PI Connect
- Real-Time Infrared Monitoring and Recording
Rilevazione rumorosità - NTI Audio M2211 (with Calibration File, Low Cut at 50Hz)
- Steinberg UR12 (with Phantom Power for Microphones)
- Creative X7, Smaart v.7
- Custom-Made Proprietary Measurement Chamber, 3.5 x 1.8 x 2.2m (L x D x H)
- Perpendicular to Center of Noise Source(s), Measurement Distance of 50cm
- Noise Level in dB(A) (Slow), Real-time Frequency Analyzer (RTA)
- Graphical Frequency Spectrum of Noise

Per testare queste schede video su una piattaforma rappresentativa del settore a cui si rivolgono le abbiamo inserite su una MSI Z270 Gaming Pro Carbon con CPU Core i3-6320 e 16 GB di memoria DDR4-2133. I test sono stati svolti con i driver Crimson ReLive Edition 17.9.1 e GeForce Game Ready 385.41.

Continua a pagina 2
AREE TEMATICHE
Vuoi ricevere aggiornamenti su #Schede video?
Iscriviti alla newsletter!